Cartone del latte, dove si butta  


Cartone




I cartoni del latte sono realizzati con un materiale particolare chiamato Tetra Pak. Sono usati non solo per il latte ma per molti altri alimenti come i succhi, le conserve e molto altro. Prima di gettarlo verificate come deve essere trattato per evitare errori nella differenziata.

Dove vanno buttati?

Questi cartoni, insieme a quelli di succo, panna e vino possono essere completamente riciclati e ridiventare nuova carta e cartoncino.

Le materie prime con cui è fabbricato questo imballaggio in cartone sono carta vergine FSC (proveniente da foreste gestite in modo responsabile e sostenibile) per il 74%: questo materiale conferisce forza e rigidità alla confezione e serve per proteggere il prodotto dalla luce.

Un altro materiale è il polietilene (PE) al 21% per trattenere i liquidi e creare una adeguata barriera protettiva; infine, il 5% è alluminio che ha lo scopo di garantire una protezione ancora più efficace contro luce, aria e batteri.




Prima di buttare il cartoncino del latte è bene risciacquarlo e accertarsi che non siano rimasti residui alimentari all’interno, appiattirlo e infine gettarlo nel contenitore della carta.

Nel caso di alcune tipologie di cartoni del latte è necessario rimuovere la parte superiore in plastica, che deve essere raccolta separatamente (e appunto andrà nella plastica).

Per consentire il riciclo

Per consentire il riciclo, i contenitori vanno tranquillamente gettati insieme alla carta e saranno poi separati da aziende specializzate per diventare carta e cartoncino.

Infatti, il materiale dei raccoglitori si trasporta nelle piattaforme di selezione, ovvero dei grandi impianti dove i materiali estranei come plastica e sacchetti, vengono scartati.

Carta, cartone e confezioni del latte (ma in genere tutte quelle Tetra Pak), vengono pressati in grandissime balle da trasportare nelle cartiere convenzionate (che trattano anche i minimi residui di plastica e di alluminio dalla materia cellulosica, che poi diventa carta e cartoncino riciclato).

Non viene utilizzato nessun additivo chimico durante il procedimento ma le aziende specializzate usano un macchinario specifico, il pulper, ovvero un frullatore che serve per miscelare gli imballaggi in acqua, ad alta velocità, ed in questo modo avviene la separazione tra i fogli di polietilene, l’alluminio e la cellulosa.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.