Spreco alimentare, un danno all’uomo e all’ambiente


Spreco alimentare




La Commissione europea definisce lo spreco alimentare come “linsieme dei prodotti scartati dalla catena agroalimentare che, per ragioni economiche, estetiche o per la prossimità della scadenza di consumo, seppure ancora commestibili e quindi potenzialmente destinati al consumo umano, sono destinati a essere eliminati o smaltiti”.

È un problema che riguarda sia i Paesi ricchi che quelli in via di sviluppo.

In questi ultimi lo spreco alimentare domestico è quasi nullo, infatti lo spreco si verifica soprattutto nelle fasi della produzione o per problemi di conservazione inefficiente del cibo.

Cosa diversa avviene invece nei Paesi sviluppati e ricchi, dove lo spreco alimentare avviene soprattutto a livello domestico e dei consumatori finali.

Lo spreco alimentare, dunque, è un problema che riguarda sia i produttori che i consumatori e che implica lo sfruttamento troppo elevato di risorse come energia, acqua, terra, con effetti negativi sulla salute dell’uomo e del nostro ambiente.




Infatti produrre cibo che non verrà consumato porta ad uno sfruttamento non necessario di fonti fossili che servono per coltivare, spostare e stoccare il cibo.  Comporta poi numerose emissioni di anidride carbonica, responsabili di contribuire al cambiamento climatico, un problema oggi purtroppo di enorme portata.

Inoltre, lo spreco alimentare comporta che, per mantenere alto il volume della produzione, dovranno essere utilizzati più fertilizzanti e prodotti chimici che contribuiscono non poco all’inquinamento di terra, acqua e di tutti coloro che lavorano nel settore.

Per non parlare poi della deforestazione e di conseguenza della perdita di biodiversità.

La FAO ha elencato tutte le conseguenze ambientali degli sprechi alimentari e cioè, oltre alla deforestazione:

  • consumo del territorio (come il sovra sfruttamento delle risorse ittiche)
  • eutrofizzazione
  • danni alla respirazione per gli uomini e gli animali
  • grande consumo di acqua
  • aumento dei rifiuti da smaltire

Le conseguenze dello spreco alimentare sono poi ovviamente anche economiche e sociali, come ad esempio l’impossibilità di far fronte alla richiesta di cibo per moltissime persone, rendendo ancora più grave il problema della fame nel mondo.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.