Spreco alimentare, che cos’è


Spreco alimentare




Negli ultimi anni si è posta l’attenzione su un problema molto sentito e, purtroppo, di grande portata: lo spreco alimentare. Secondo la definizione della Commissione europea, lo spreco alimentare è “linsieme dei prodotti scartati dalla catena agroalimentare che, per ragioni economiche, estetiche o per la prossimità della scadenza di consumo, seppure ancora commestibili e quindi potenzialmente destinati al consumo umano, sono destinati a essere eliminati o smaltiti

Un’altra definizione di spreco alimentare

Un’altra definizione di spreco alimentare viene data dalla FAO che lo qualifica come:

  • la perdita alimentare che si verifica durante la produzione, raccolta, stoccaggio e lavorazione di parti edibili di origine vegetale o animale prodotti per il consumo umano
  • lo spreco alimentare che si verifica al momento della distribuzione ai consumatori e ai commercianti

Lo spreco alimentare riguarda sia i Paesi a basso reddito che quelli ad alto reddito (come l’Italia).

Nel primo caso, si verifica prettamente nelle prime fasi della filiera alimentare, soprattutto a causa della mancanza di tecnologie e strumenti per una produzione e una conservazione efficiente dei prodotti alimentari.




Nei Paesi ad alto reddito

Nei Paesi ad alto reddito, invece, lo spreco alimentare si verifica soprattutto a livello dei consumatori e commercianti finali (anche se il fenomeno è importante anche nelle prime fasi della filiera, cioè nella produzione).

Si pensi ad esempio alla grande mole di prodotti dei supermercati (soprattutto frutta e verdura) che vengono scartati perché non ritenuti belli dal punto di vista estetico e considerati di scarsa qualità, ma anche ai comportamenti inconsapevoli che avvengono ogni giorno a livello domestico nelle nostre case.

Comportamenti che ci portano a buttare via il cibo anche se è ancora commestibile, ad esempio perché si interpretano male le etichette e le diciture “da consumare entro” e “da consumare preferibilmente entro”, si conservano male i prodotti, si compra più del necessario al supermercato e non solo ciò che serve effettivamente


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.