Barbecue, in Inghilterra potrebbe essere vietato in futuro


Barbecue




In estate è molto probabile che ci si riunisca all’aperto per mangiare insieme della carne o altri alimenti cotti con il barbecue. Se è vero che il cibo cotto in questo modo è squisito, è anche vero che ci sono degli aspetti che molto spesso non si considerano. Tra l’altro ricordiamo che la cenere è uno dei migliori concimi naturali per piante e fiori.

In particolare, in Gran Bratagna, specificatamente a Brighton & Hove, alcuni partiti politici stanno portando avanti una battaglia in consiglio comunale contro i barbecue perché ritenuti inquinanti e dannosi.

Zero emissioni

L’obiettivo è quello di fare in modo che entro il 2030 in questa località ci siano zero emissioni.

Secondo uno studio realizzato dall’Università di Manchester e presentato nel 2019 alla Royal Society Summer Science Exhibition, una grigliata per quattro persone è inquinante quanto uno spostamento in macchina di circa 80 miglia.




Già un altro studio degli anni Duemila del Natural Resources Defense Council aveva fatto emergere che un consumo inferiore al 19% di manzo ha contribuito a diminuire notevolmente le emissioni di gas serra (che altrimenti sarebbero state pari a quelle prodotte da 39 milioni di automobili).

L’American Institute for Cancer Research ha dichiarato più volte che cuocere il cibo sulla griglia potrebbe formare della sostanze cancerogene dannose per l’uomo.

Quindi in Inghilterra si tenderà a vietare in futuro l’uso del barbecue per due motivi: sia perché inquina, come visto anche più dell’uso dell’automobile, e sia perché i cibi cotti in questo modo sono dannosi per la salute.

Insorti in difesa del barbecue

Ovviamente in Inghilterra i cittadini sono insorti in difesa del barbecue anche se comunque questa di vietarne l’uso non è una decisione definitiva.

In passato altri paesi hanno cercato di fare lo stesso: ad esempio nel 2014, a Santiago del Cile, il sindaco ha vietato per qualche giorno i barbecue per “problemi con l’aria”.

 Nel 2013, invece, il Ministero della Protezione Ambientale in Cina ha messo al bando il barbecue dalle città inserendolo nel piano anti inquinamento nazionale e predisponendo appositi controlli.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.