Canapa, una pianta che può sostituire la plastica


Canapa




La canapa è una pianta molto preziosa al giorno d’oggi, perché sostituirà la plastica sotto moltissimi aspetti. L’emergenza della plastica e la definizione di plastic free ormai sono divenuti due temi importanti per la nostra vita, ma soprattutto per il futuro del pianeta. Che cosa sapere sulla canapa? Come potrà sostituire la plastica?

Canapa: come può sostituire la plastica?

Abbiamo sempre reputato la plastica un materiale estremamente versatile; non è un caso, infatti, che fin dal 1855, ovvero quando un chimico svizzero riuscì ad ottenere la plastica da un mix di soda caustica e di cellulosa, che la usiamo. La plastica in sé è andata a sostituire numerosi materiali, primo fra tutto il vetro.

Ogni anno, nel mondo, produciamo più di 500 milioni di bottiglie di acqua. Qual è il problema? Ai tempi, questo materiale era sembrato decisivo per il nostro futuro. Non sapevamo ancora l’importanza del riciclo né dei tempi di smaltimento della plastica, che sono piuttosto lunghi. Pensate che una singola bottiglia di plastica ha un tempo di smaltimento di circa 500 anni.

Trovare dei sostituti della plastica è fondamentale

A questo punto, è lecito fare una domanda: la canapa sostituirà la plastica? Sì. Per esempio, un genio nostrano, Giovanni Milazzo, ha deciso di fondare Kanèsis, ovvero un’azienda che si fonda sul principio dell’utilizzo e della coltivazione della canapa. Milazzo ha brevettato un materiale termoplastico ottenuto dagli scarti di lavorazione delle piante, tra cui principalmente la canapa.




Uno dei punti su cui molti stanno lavorando è proprio il seguente: trovare dei sostituiti della plastica in modo tale da non inquinare ulteriormente il nostro pianeta. È divenuto quanto mai importante avere la possibilità di più scelte, così da essere consapevoli di quanto inquiniamo e di come possiamo non farlo. La canapa è il materiale del futuro? Probabilmente, lo sarà.



Загрузка...