Plastic free, un mondo senza plastica per il bene del pianeta


Plastic free




Negli ultimi tempi non si discute altro che della normativa plastic free. È diventato quanto mai importante limitare e infine eliminare il consumo di plastica. Il motivo? Ha dei tempi di smaltimento eccessivamente lunghi e, rispetto ad altri materiali, la plastica inquina molto di più. Ma che cosa accadrà realmente? Cosa prenderà il posto della plastica? Serve sicuramente un piano di azione anche perché siamo vicini ad un punto di non ritorno, ci sono infatti nel mare isole di plastica, le Pacific Trash Vortex,  di una grandezza pari a interi stati e che non possono ormai essere smaltite.

Plastic free: che cosa significa?

Sappiamo che il nostro futuro dipende dalle azioni che facciamo quotidianamente. È un po’ quanto sta accadendo nell’industria automobilistica: se oggi le auto elettriche sono una invenzione recente e affascinante, nel futuro saranno la norma e saranno utilizzate da tutti.

Lo stesso discorso si potrà applicare anche ai materiali che usiamo oggi, come la plastica. Che gli esseri umani abbiano ecceduto nell’utilizzo della plastica è un dato di fatto. Il nostro pianeta è letteralmente piegato in due proprio a causa delle nostre azioni. Ed è da questo che dobbiamo ripartire; è per questo che dobbiamo fare la differenza. Per quella che abbiamo ormai in casa possiamo pensare ad esempio al riciclo creativo e cercare di riutilizzarla in qualche modo.

Perché dovremmo limitare ed eliminare il consumo di plastica

Ma come possiamo davvero eliminare la plastica? Nel 2021, entrerà ufficialmente in vigore una normativa che vieterà la vendita di plastica usa e getta. Ne consegue che dovremo utilizzare altri tipi di piatti; è probabile che arriverà il compost, un materiale molto interessante che potrà essere gettato nella raccolta differenziata dell’umido.




Ovviamente, vi invitiamo sin da ora a cominciare a smettere di utilizzare la plastica usa e getta. È dannosa, è difficile da smaltire, inquina il pianeta e dobbiamo pensare a questo: se la Terra divenisse un luogo inospitale alla vita, dove andremmo? Cercare un modo di trasferirci su Marte non è una buona idea al momento. Concentriamoci su ciò che abbiamo di prezioso: il nostro pianeta e il suo ecosistema, perfetto ed equilibrato fino a qualche decennio fa, prima dell’inquinamento da industria e plastica.

Plastic free: i materiali alternativi da utilizzare

Il Plastic Free è ormai una definizione con cui noi tutti cambieremo il modo di vivere. Fino ad oggi, ci siamo inevitabilmente serviti di alcune comodità, come gli usa e getta in plastica. Certo, sono stati molto comodi, ma quanto abbiamo inquinato il pianeta? Il punto da cui cominciare è il seguente: se tutti noi inquiniamo, il mondo sarà un posto invivibile tra qualche tempo.

Plastic free perché è importante per il pianeta

No, non parliamo di decenni: le notizie degli ultimi giorni, l’incendio in Amazzonia, lo scioglimento dei ghiacci, il nostro pianeta è letteralmente piegato in due a causa di azioni scellerate e ripetute. Che cosa possiamo fare a questo punto? Utilizzare dei materiali alternativi alla plastica è un modo per dare un supporto non indifferente al pianeta.

Per darvi alcune stime, i ricercatori affermano che dagli anni ’50 ad oggi abbiamo prodotto più di 8,3 miliardi di tonnellate di plastica. Un numero certamente enorme, considerando che questo rifiuto, per essere smaltito, è stato anche bruciato illegalmente nell’ambiente. A questo punto, dobbiamo capire quali possono essere i materiali alternativi alla plastica.

Cosa utilizzare al posto della plastica: qualche materiale

Uno dei materiali degli ultimi tempi, che probabilmente prenderà il posto della plastica in materia di usa e getta, è il compost. Questo materiale, infatti, ci offre la possibilità di gettare i rifiuti nell’umido. Un’alternativa sicuramente interessante, che potrà tornarci utile in molti modi.

Ovviamente, invitiamo sempre a utilizzare nel quotidiano anche i piatti e i bicchieri di vetro, quando possibile. Fortunatamente, negli ultimi anni i ricercatori si stanno concentrando sulla lavorazione dei polimeri naturali, come ad esempio la pectina, la chitina, la lignina e la cellulosa. Speriamo che la situazione possa presto rientrare e che, soprattutto, ognuno di noi, nel nostro piccolo, supporti il pianeta come merita. La Terra è l’unica casa che abbiamo.

Plastic free: quanti anni ci vogliono per smaltirla

Quante volte abbiamo esagerato nel consumo della plastica? È questo il motivo per cui di recente la definizione plastic free è entrata nelle nostre vite. Il nostro pianeta ha bisogno di un piccolo aiuto, di un supporto giornaliero per potersi riprendere e tornare come un tempo. Siamo al punto di non ritorno? Non precisamente.

Plastic free, quanto inquiniamo ogni giorno?

L’emergenza plastica degli ultimi anni ci ha spinti alla riflessione: quanto inquiniamo ogni giorno senza rendercene conto? Gli effetti negativi di un utilizzo smodato della plastica, in realtà, si conoscono già da tempo. Eppure, forse nessuno pensava che saremmo arrivati a questi livelli.

Il grosso problema della plastica è che è uno dei materiali che inquina di più; senza contare che, effettivamente, per smaltirla del tutto, ci vuole molto tempo. Qualora fosse utilizzata solo da un ristretto numero di persone, non sarebbe un problema in sé. Non si sarebbe giunti, diciamo, a questo punto di “non ritorno”.

Quanto tempo ci vuole per smaltire la plastica?

Un materiale molto interessante, che si sta sviluppando negli ultimi tempi come alternativa alla plastica, è il compost. Grazie al compost, infatti, utilizzeremo un’altra tipologia di usa e getta, che potremo gettare comodamente nei rifiuti dell’umido. Ma quanto tempo occorre per smaltire una classica bottiglia di acqua? Rimarrete sorpresi. In negativo.

Se qualcuno pensa che siamo stati “esagerati” nell’utilizzare determinati termini, pensate che per smaltire una bottiglia di vetro occorrono 100 anni. Per smaltire una bottiglia di plastica, invece, occorrono 5000 anni. Basta fare una veloce ricerca sui motori per comprendere il reale impatto dannoso della plastica sul nostro pianeta.

Pertanto, è estremamente importante decidere di fare la scelta giusta: smaltire i rifiuti nel modo più appropriato e cominciare a mettere da parte gli usa e getta in plastica è il primo passo per supportare il pianeta.

Plastic free: l’importanza del riciclo nella differenziata

Come funziona la raccolta differenziata e quanto pesa per il Plastic Free? Da qualche tempo, ormai, conosciamo tutti gli effetti negativi di un utilizzo non controllato della plastica. Basta guardarci intorno per vedere come, effettivamente, la plastica faccia parte in larga misura della nostra vita.

Plastic free: perché limitare il consumo di plastica è importante

Purtroppo, è uno dei materiali che da sempre si è utilizzato maggiormente. Dagli imballaggi in plastica fino alla rivendita dei prodotti contenuti in materiale plastico, non possiamo non citare il classico usa e getta in plastica. Il problema è che per tantissimo tempo abbiamo esagerato nell’utilizzo degli usa e getta in plastica.

Ciò che era nato come una comodità del momento è divenuta la nostra quotidianità. Quante volte abbiamo deciso di utilizzare i piatti in plastica per non lavare i piatti in vetro? Questo ha generato, ovviamente, maggiori rifiuti, che richiedono maggiori tempi di smaltimento. E per questo motivo è ormai indispensabile fare la raccolta differenziata.

Come fare la raccolta differenziata?

In effetti, fare la raccolta differenziata non è molto complicato, anzi. Non solo non è affatto difficile, ma ci permetterà di essere davvero un supporto per il pianeta nel migliore dei modi. La Terra è l’unica casa che abbiamo e dobbiamo cominciare a capire che non è il suo ecosistema a doversi adattare a noi, ai tempi moderni: siamo noi a doverci adattare alla Terra, così come è stato durante l’evoluzione.

Per fare la raccolta differenziata, vi occorreranno i sacchi specifici in base al tipo di spazzatura: umido, carta, plastica. Ogni sacco o cassonetto vi specificherà dove gettare i rifiuti. Ci sono poi anche delle etichette che tornano molto utili e che vi spiegano come comportarvi. Ottime anche le ultime applicazioni attualmente presenti sul mercato, che vi spiegano come fare la differenziata in poco tempo.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.