Pacific Trash Vortex: l’isola di plastica del Pacifico


Pacific Trash Vortex




Il Pacific Trash Vortex, noto anche come “Isola di plastica”, è un accumulo di rifiuti che galleggia sulla
superficie dell’Oceano Pacifico.  Quest’Isola, dalle dimensioni impressionanti (si parla i una superficie
che va da 700.000 km² fino a più di 10 milioni di km²) si estende tra il 135º e il 155º meridiano Ovest
e fra il 35º e il 42º parallelo Nord, tra le Hawaii e la California.

L’Algalita Marine Research Foundation e dalla Marina degli Stati Uniti stimano la quantità di rifiuti
pari a 3 milioni di tonnellate, anche se potrebbero raggiungere tranquillamente i 100 milioni di
tonnellate.

 

La formazione del Pacific Trash Vortex

Il Pacific Trash Vortex si è formato a partire dagli anni ’80. L’accumulo di plastica e spazzatura si è
formato a causa della corrente oceanica North Pacific Subtropical Gyre. Questo vortice, che si
muove a spirale in senso orario, permette l’aggregazione dei rifiuti galleggianti, infatti l’acqua è in
movimento solo nella parte esterna del vortice, mentre al centro è relativamente calma. Al suo
interno si trova di tutto: dai palloni alle bottiglie, passando per scarpe, lattine e detriti di maremoti.




Danni all’ecosistema

I danni all’ecosistema marino non sono indifferenti. La degradazione della plastica dovuta all’effetto
del sole porta alla creazione di frammenti plastici sempre più piccoli, che venendo scambiati per
pesci o meduse, vengono ingeriti dagli animali causandone la morte. Il danneggiamento delle specie
biologiche coinvolte portano ad un’alterazione della catena alimentare che, seppur in modo indiretto,
può avere ripercussioni anche sull’uomo.

Nuovo ecosistema

Il Pacific Trash Vortex non è solamente un accumulo di plastica ma è un vero e proprio ecosistema colonizzato da organismi come diatomee e batteri, alcuni dei quali sembrano essere in grado di digerire la materia plastica e gli idrocarburi.

 

Trasformazione in uno Stato

Per far conoscere al Mondo l’esistenza del Pacific Trash Vortex l’associazione ambientalista Plastic Oceans Foundation, insieme all’agenzia media LadBible ha lanciato una provocazione: riconoscerla come 169esimo stato.
Infatti secondo la Convenzione di Montevideo un Paese ha il diritto di definire il proprio territorio e fondare uno stato e il Pacific Trash Vortex ha dei confini definiti ed in continua espansione.
Ad appoggiare questa iniziativa troviamo in prima linea Al Gore,l’ex vice presidente degli Stati Uniti, che sta per diventare il il primo cittadino della The Trash Isle, seguito da altre 100mila persone.
Sono già stati studiati e realizzati la bandiera, la moneta (chiamata debris) e perfino i francobolli.

La richiesta è stata già presentata alle Nazioni Unite, che adesso dovranno esprimersi in merito.

Se il Pacific Trash Vortex dovesse essere riconosciuto come Stato indipendente goderebbe anche della protezione ambientale degli altri Paesi riconosciuti, e questo potrebbe voler dire che può essere smantellata.

La plastica vista come risorsa

Vista la grande quantità di plastica che una famiglia media italiana produce in una settimana, è bene capire come riciclarla. Molte sono le possibilità che vedono impiegate le bottiglie di plastica, le posate o altri elementi plastici.

 



Avatar
Informazioni su Samantha Lombardi 164 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Scrittrice con all'attivo due libri pubblicati, collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it