Cicche di sigaretta in spiaggia, 4mila sostanze tossiche al suo interno


Cicche di sigaretta in spiaggia, 4mila sostanze tossiche al suo interno




Lo sapete che le sigarette in spiaggia inquinano quasi più delle auto? Il fumo fa male ma anche lasciare dei mozziconi di sigaretta sulla spiaggia può essere un vero e proprio disastro soprattutto per il mare e per l’ecosistema marino. Con l’arrivo della bella stagione sono tantissime le persone che si recano per delle gite fuori porta al mare e per cercare di mettersi in corsa per una tintarella perfetta.

Al mare però bisogna rispettare le regole dell’ambiente oltre che le leggi ovviamente, così da riuscire a raggiungere degli obiettivi nel lungo periodo per lasciare un ambiente più pulito ai nostri figli. L’abbandono di rifiuti speciali o rifiuti ingombranti in spiaggia, oltre che essere un reato, è assolutamente dannoso all’ambiente. Oltre ai rifiuti di questo tipo il vero killer delle spiagge sono le tantissime cicche di sigaretta che ogni giorno vengono abbandonate sulla spiaggia da turisti o avventori, inquinando fortemente e di fatto finendo con l’uccidere l’ambiente, e parliamo dell’intero ecosistema.

Cicche di sigarette, atteggiamento da cambiare

Una scelta ed un atteggiamento davvero drammatici. Ecco perché bisogna decidere il da farsi contro gli incivili che già esiste con multe che arrivano a 300 euro ma probabilmente poco applicate. In merito alle norme da applicare per gli sporcaccioni della spiaggia, sarebbe il caso che sia proprio il vicino d’ombrellone a prendere in mano la situazione si deve fare in modo che il controllo venga fatto principalmente dalla gente, chi lascia le sigarette sotto la sabbia, di fatto sta facendo un danno di non poco conto all’ambiente e soprattutto alle generazioni future. Le cicche sono veleno per i mari che provocano a causa delle 4mila sostanze contenenti all’ interno del filtro bruciato un danno inestimabile, senza pensare che sono dieci gli anni che ci mette una cicca a degradarsi.

No alle cicche di sigarette sulle spiagge

Anche in spiaggia proprio come a casa, bisognerebbe seguire la raccolta differenziata. In generale, però
quello che danneggia l’ambiente di contorno sono i mozziconi di sigarette che risultano al primo posto
nella classifica di rifiuti che stanno soffocando il mar Mediterraneo. Per biodegradarsi infatti, il filtro
della sigaretta impiega circa 10 anni. Per chi getta le cicche di sigaretta sulla spiaggia si prevedono multe
di circa 300 euro ma spesso manca chi dovrebbe fare le sanzioni spesso occupati a gestire la viabilità in
entrata nelle località turistiche. I rifiuti abbandonati in spiaggia finiscono nei mari e di conseguenza nella
pancia dei pesci, e scientificamente provato. A causa di un comportamento malsano sono già diverse ad
esempio le mega isole di plastica nell’oceano, e se ne sta formando una nel mediterraneo, è ora di darsi una mossa.






Загрузка...

1 Trackback / Pingback

  1. Filtri della sigaretta, un male incurabile sulle nostre spiagge

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.