Scatoletta di tonno, dove va gettata  


Scatoletta




Le lattine in alluminio sono di solito composte da diversi metalli: l’alluminio si ricava dalla bauxite, un minerale abbastanza raro, importato in grandi quantità in Italia. Sono necessarie infatti sei tonnellate di bauxite per ottenere una tonnellata di alluminio e per la sua trasformazione c’è bisogno di enormi quantità di energia. Quindi per evitare errori nella differenziata, leggete sempre come e dove vanno smaltiti i rifiuti.

Riciclare l’alluminio

Riciclare l’alluminio, invece, comporta solo un quantitativo di energia pari al 5% rispetto a quella usata per la produzione dell’alluminio dalla materia prima. Quindi differenziare correttamente le lattine di alluminio è fondamentale proprio perché è un materiale che può essere riciclato all’infinito e ad anche per costruire diverse cose come la carrozzerie delle auto, degli aerei, degli imballaggi e così via.

Nel mondo alimentare, sono molto utilizzati i contenitori in alluminio, ad esempio quelli più comuni sono le scatolette di tonno. Quando si fa la raccolta differenziata ci si chiede dove vadano conferite queste scatolette: vanno nel bidone dell’alluminio anche se in molte regioni questo coincide con quello della plastica o multimateriale.

Prima di conferire le scatolette in questo bidone, vanno ben pulite e sciacquate da eventuali residui, questo perché l’olio contenuto nella scatoletta del tonno è considerato un olio esausto, proprio come quello della frittura.




Per questo, gettarlo nel lavandino o nello scarico del WC è scorretto perché rischia di intasare le tubature e di inquinare l’ambiente in cui le acque di scarico sono raccolte. L’olio può infatti raggiungere le falde acquifere, inquinando terreni coltivabili e pozzi d’acqua potabili, rendendoli inutilizzabili.

L’olio si deposita sulla superficie dell’acqua

Inoltre, l’olio si deposita sulla superficie dell’acqua creando una patina che rende meno agevole il passaggio dei raggi solari, alterando i normali equilibri naturali degli habitat marini.

Infine, gli oli esausti (come quello contenuto nelle scatolette di tonno), se gettati nelle condutture del lavandino creano problemi al sistema di depurazione delle acque di scarico, intasando le reti, rallentando il processo di trattamento biologico.

Quindi questo olio va raccolto in un contenitore e portato in uno dei punti di raccolta di olio vegetale esausto.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.