Metalli pesanti, sono tossici?      


Metalli pesanti




Per metalli pesanti si intendono arsenico, cadmio, cromo, mercurio, nichel, piombo, tallio, vanadio e così via.

Questi metalli possono originare da eventi naturali

Questi metalli possono originare da eventi naturali come erosione dei suoli o eruzioni vulcaniche ma possono provenire anche da attività industriali o minerarie, attività di fonderie, raffinerie, oppure da inceneritori di rifiuti o dall’utilizzo di combustibili fossili.

I metalli pesanti sono inquinanti e possono essere tossici per l’uomo (Nichel, Cadmio e Piombo) e spesso cancerogeni (Nichel e Cadmio).

Uno degli effetti tossici che possono avere i metalli sono le reazioni di tipo allergico, note anche come reazioni di ipersensibilità.




L’uomo può essere esposto ai metalli pesanti inalandoli oppure tramite l’ingestione di cibo o acqua, e il problema è che questi sono molto tossici a lungo termine.

Nell’organismo dell’uomo possono interferire

Infatti nell’organismo dell’uomo possono interferire con il normale metabolismo cellulare arrivando a ostacolare il corretto svolgimento delle funzioni vitali.

Nel cibo, alcuni metalli pesanti si trovano in questi alimenti:

  • cadmio in cereali, verdura e ortaggi, patate, crostacei e molluschi
  • mercurio in alcune tipologie di pesce (soprattutto le donne in gravidanza dovrebbero evitare il consumo di pesce spada, tonno e luccio e sostituirlo con altri pesci, come il pesce azzurro o le orate)
  • arsenico è presente nel riso
  • nichel nei cereali, dolci, verdure e ortaggi, acqua e bevande alcoliche
  • piombo si trova in latte e latticini, carni, cereali e legumi, ortaggi, prodotti ittici ma anche nell’acqua che arriva nell’organismo anche a causa dell’inquinamento
  • alluminio è un metallo pesante con cui siamo costantemente a contatto, se si pensa anche agli imballaggi e ai recipienti che si utilizzano nel campo alimentare. Arriva negli alimenti proprio e soprattutto perché di solito siamo abituati a scaldare il cibo o a metterlo a contatto con contenitori o stagnola in alluminio (e si è costatato che ciò fa aumentare la concentrazione di questo metallo nel cibo).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.