Metalli pesanti nel cibo, di cosa si tratta? 


Metalli pesanti




I metalli pesanti sono presenti nel terreno, nell’acqua e nell’atmosfera in piccole quantità e possono contaminare l’ambiente e gli alimenti in seguito a fenomeni naturali (come ad esempio il vulcanismo) o attività umane (come alcune lavorazioni industriali, l’incenerimento di rifiuti, il traffico delle auto, alcune pratiche agricole).

L’uomo può essere esposto ai metalli pesanti

L’uomo può essere esposto ai metalli pesanti inalandoli, oppure tramite l’ingestione di cibo o acqua.

Il problema è che questi metalli sono molto tossici a lungo termine e nell’organismo dell’uomo possono interferire con il normale metabolismo cellulare, arrivando ad ostacolare il corretto svolgimento delle funzioni vitali.

Per questo il regolamento CE 1881/2006 e le sue successive modifiche e integrazioni, stabiliscono i valori massimi di alcuni contaminanti nei prodotti alimentari e prevedono limiti legali per cadmio, piombo, mercurio, arsenico inorganico e stagno inorganico, in alcune tipologie di alimenti.




In particolare il cadmio si trova soprattutto in cereali, verdura e ortaggi, patate, crostacei e molluschi; il mercurio invece in alcune tipologie di pesce (soprattutto le donne in gravidanza dovrebbero evitare il consumo di pesce spada, tonno e luccio e sostituirlo con altri pesci, come il pesce azzurro o le orate).

L’arsenico invece è presente nel riso mentre il nichel nei cereali, dolci, verdure e ortaggi, acqua e bevande alcoliche.

Anche l’alluminio è un metallo pesante con cui siamo costantemente a contatto, se si pensa anche agli imballaggi e ai recipienti che si utilizzano nel campo alimentare; il problema è che può interferire con diversi processi biologici e indurre effetti tossici in organi e sistemi, soprattutto quello nervoso.

Alcuni studi effettuati con alimenti avvolti in fogli di alluminio

Alcuni studi effettuati con alimenti avvolti in fogli di alluminio e sottoposti a differenti tipi di cottura (in forno e grigliati sulla carbonella) hanno dimostrato che l’elevata temperatura comporta l’aumento della concentrazione dell’alluminio nell’alimento.

Per evitare il contatto con questo metallo pesante, quindi, fare attenzione alle modalità di uso, al tempo di conservazione, alla temperatura e alla composizione dell’alimento.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.