Metalli pesanti, che cosa sono   


Metalli pesanti, che cosa sono   




I metalli pesanti sono naturalmente presenti nel terreno, nell’acqua e nell’atmosfera in piccole quantità e derivano dall’uomo a causa di attività estrattiva e di processi industriali.

Gli esseri umani sono esposti ai metalli pesanti tramite inalazione (vengono sprigionati durante fenomeni naturali come vulcanismo, o attività umane come alcune lavorazioni industriali, l’incenerimento dei rifiuti, il traffico delle auto, alcune pratiche agricole) o ingestione di cibo o acqua.

Alcuni metalli pesanti sono utili per mantenere il metabolismo corporeo ma, in grandi quantità e a lungo andare, possono essere molto tossici perché interferiscono con il normale metabolismo cellulare arrivando a ostacolare il corretto svolgimento delle funzioni vitali.

Ogni metallo pesante può, ad esposizioni elevate, causare dei sintomi:

  • antimonio, causa nausea, vomito e diarrea ed è anche un sospetto agente cancerogeno
  • cadmio, è biopersistente cioè dopo essere assorbito, rimane per molti anni nell’organismo dell’uomo. Può causare disfunzioni renali, ostruzione dei polmoni e cancro, aumento della pressione sanguigna
  • cromo, anche la sola esposizione a bassi livelli può irritare la pelle e causare ulcera. L’esposizione a lungo termine può causare danni a fegato e reni e danni ai tessuti circolatori e nervosi
  • rame è una sostanza essenziale per la vita umana, ma in dosi elevate può causare anemia, danni a reni e fegato ed irritazione di intestino e stomaco
  • piombo, alti livelli di esposizione può provocare effetti biochimici tossici negli esseri umani che comprendono problemi nella sintesi di emoglobina, problemi sui reni, sul tratto gastrointestinale, sui giunti e sul sistema riproduttivo e danneggiamento acuto o cronico del sistema nervoso
  • mercurio può comportare tremori, gengiviti e/o cambiamenti psicologici secondari, insieme ad aborto spontaneo e a malformazione congenita
  • nichel, un’esposizione a lunga durata può causare riduzione del peso corporeo, danni al fegato e al cuore ed irritazioni cutanee
  • selenio, in quantità elevate può causare danneggiamento del sistema nervoso, affaticamento e irritabilità





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.