Batterie, perché sono così inquinanti?     


Batterie




Un rifiuto molto inquinante è rappresentato dalle batterie, così come pile e accumulatori. Sono categorie di rifiuti inquinanti perché contengono metalli pesanti come il piombo, il cromo, il cadmio, il rame e lo zinco, ma soprattutto il mercurio, il più pericoloso. Ecco perché devono essere trattate nel giusto modo, per evitare errori nella differenziata e quindi creare danno all’ambiente.

Le quantità di mercurio

Anche se le quantità di mercurio contenute nelle pile sono minime, il problema diventa più importante se queste vanno in discarica oppure sono gettate nell’ambiente.

Infatti soprattutto se finiscono in acqua, bisogna considerare che anche solo un grammo di mercurio, ovvero il contenuto di una pila, può inquinare 1000 litri di acqua.

Per quanto riguarda le batterie al piombo, (come quelle utilizzate per tutti i mezzi di trasporto, dalle automobili alle barche, o per alimentate i gruppi di continuità di ospedali, centrali elettriche o telefoniche), sono molto pericolose in quanto contengono componenti molto tossiche come il piombo, un metallo pesante e quindi tossico nocivo e l’elettrolita, ossia l’acido solforico, liquido particolarmente corrosivo e inquinato da piombo.




A causa del loro potere inquinante

A causa del loro potere inquinante, quindi, le pile non vanno mai buttate fra i rifiuti urbani ma vanno smaltite a parte in un modo specifico.

Per quanto riguarda le batterie primarie (in zinco-carbone, alcalino-manganese, litio, zinco-aria, ossido d’argento) ovvero quelle utilizzate per apparecchi a basso consumo come telecomandi o sveglie, oppure per orologi e calcolatrici e così via, è possibile conferirle nei punti di raccolta presenti in tutte le città italiane, solitamente posti nei pressi di centri commerciali e in centro città.

In alternativa, è possibile consegnarle nei negozi autorizzati alla raccolta o direttamente nei centri di raccolta (isole ecologiche).

Per smaltire le batterie delle auto e di altri mezzi di trasporto (che rientrano nelle batterie secondarie), invece, si possono portare presso i concessionari e le officine meccaniche in cui si acquisterà la nuova batteria.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.