Piastrina antizanzare, dove si gettano?


Piastrina




Uno dei modi per difendersi dalle punture di zanzare è l’utilizzo delle piastrine che vanno inserite nel fornello elettrico: quando questa si consuma, nell’aria vengono emanate delle sostanze che tengono le zanzare lontane. Quindi è bene sapere dove gettarle per evitare errori nella raccolta differenziata, anche perché al loro interno ci sono sostanze nocive.

Di solito ci sono delle sostanze insetticide

Di solito ci sono delle sostanze insetticide al loro interno come i piretroidi o la piretrina o ancora l’alletrina.

Non sono tossiche per l’uomo ma è meglio far arieggiare i posti in cui si tiene il fornelletto ed evitare di utilizzare le piastrine se si soffre di asma o si è allergici ai piretroidi.

Compreso quanto siano utili le piastrine antizanzare, dove si gettano quando non si utilizzano più?




Vanno gettate nel cassonetto dell’indifferenziato e non in altro modo perché sono molto inquinanti.

Se invece si volesse smettere di utilizzare le piastrine antizanzare e optare per delle soluzioni più sostenibili, si può utilizzare:

  • caffè, l’odore del caffè funziona da repellente per le zanzare, basterà tostare qualche chicco per tenere lontani questi insetti oppure bruciare un po’ di caffè in polvere o ancora disseminare i fondi del caffè all’interno dei vasi (per l’esterno);
  • limone e aceto, creando una miscela con questi due ingredienti. Il loro intenso aroma infastidisce le zanzare e basterà tagliare alcune fette di limone da bagnare con l’aceto. Non appena il liquido sarà assorbito, posizionarle in punti strategici;
  • cipolla e chiodi di garofano, basterà tritare la cipolla e inserirvi i chiodi di garofano.

Anche gli oli essenziali sono molto utilizzati per allontanare le zanzare, ad esempio le profumazioni alla lavanda, al limone, al tea-tree oil e alla citronella.

Un’altra soluzione

Un’altra soluzione, soprattutto per allontanare le zanzare dall’esterno, è quella di piantare delle piante antizanzare, ad esempio la menta o il basilico o ancora la lavanda o l’aglio.

Anche le candele sono molto utili, come ad esempio quelle alla citronella o alla lavanda.

Si possono anche creare dei repellenti fai da te bollendo menta e basilico per venti minuti all’interno di un pentolino con l’acqua, da spruzzare poi sul corpo.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.