Friday for future, che cos’è


Friday




Il 20 agosto del 2018, Greta Thunberg (che ora è diventata molto più conosciuta di allora quando era semplicemente definita la “15enne di Stoccolma”) decise di non andare a scuola fino al 9 settembre, data delle elezioni svedesi.

Era una protesta per chiedere al Governo di rispettare gli Accordi di Parigi sulle riduzioni delle emissioni di CO2.

Dalla protesta di una singola ragazza

Dalla protesta di una singola ragazza, però, il tutto si è trasformato in un movimento globale che ha come obiettivo quello di azzerare le emissioni di combustibili fossili.

Dopo il 9 settembre, Greta tornò a scuola ma continuò a scioperare per il clima ogni venerdì e da qui il movimento è stato chiamato “Friday for future” ovvero “Venerdì per il futuro”. Un modo per iniziare a salvaguardare il nostro pianeta.




Questo movimento ha come obiettivo quello di puntare l’attenzione sui cambiamenti climatici, facendoli diventare una priorità per tutta la politica internazionale.

Inoltre si chiede ai governi di eliminare i combustibili fossili, azzerando le emissioni a livello globale entro il 2050 (in Italia entro il 2030) per contenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5° rispetto all’epoca pre-industriale.

Il movimento non ha leader, anche se tutti lo conoscono come il movimento di Greta Thunberg e proprio perché è stato creato da una giovanissima, di solito partecipano al Friday for future soprattutto studenti, anche se possono parteciparvi “persone di ogni età e categoria”.

Molti altri movimenti sono nati per dare man forte al Friday for future come Teachers for Future o Parents for Future.

Le proteste sono organizzate in maniera spontanea e sono pacifiche in quanto escludono azioni o reazioni violente, “dal punto di vista sia verbale che fisico”, ed “evitano di provocare reazioni violente negli interlocutori”.

Questo è quanto si legge sul sito italiano di Fridays for future.

Quindi, sono preferiti scioperi, presidi, cortei, lezioni in piazza, sit-in; solo in alcuni casi, il movimento ricorre a blocchi: “azioni più dirette e con obiettivi specifici, ma sempre pacifiche e non violente, che attirano attenzione sulla nostra causa per il loro coinvolgimento emotivo”.

E quindi in questo caso si tratta di interventi che “prevedono un livello più alto di rischio per i partecipanti”.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.