Compostaggio, una risorsa che fa risparmiare molti soldi


Compostaggio, una risorsa che fa risparmiare molti soldi




Quasi 2 milioni di tonnellate di compostato prodotto in Italia nel 2016 a partire dai rifiuti organici: un settore, quello del biowaste, che permette di risparmiare fino a 30 milioni di euro sull’uso di concimi minerali e di sintesi. Il compostaggio è un concime naturale che si può facilmente fare in giardino se si ha lo spazio e concimare in maniera del tutto naturale e semplice risolvendo una parte della raccolta differenziata che spesso crea delle difficoltà.

Compostaggio, risorsa per l’agricoltura

A ricordare l’importanza del composit è il CIC – Consorzio Italiano Compostatori che nel corso dell’VIII Forum Interregionale sul Compostaggio e la Digestione Anaerobica nell’ambito della Fieragricola 2018 ha annunciato di aver ottenuto l’importante riconoscimento da parte di European compost Network (ECN) come l’ente nazionale che mette in atto il sistema di assicurazione della qualità del compost in Italia.
Dall’impiego in cerealicoltura, olivicoltura, viticoltura e risicoltura italiana alla creazione di parchi e giardini in Qatar: i benefici del compost e i casi di utilizzo eccellenti a livello italiano e internazionale.

2 milioni di tonnellate

Quasi 2 milioni le tonnellate di compost che sono state prodotte nel  2016 a partire dai rifiuti organici
trattati negli impianti di compostaggio e digestione anaerobica. Si tratta nell’85% dei casi di compostato
misto o compostato con fanghi (1.615.000 tonnellate) e per il rimanente 15% di compostato verde
(290.000 tonnellate).
La trasformazione dei rifiuti organici in compost ha contribuito a stoccare nel terreno 600.000 t di
sostanza organica e ha permesso di risparmiare 3,8 milioni di CO2 rispetto al normale smaltimento in
discarica.
Benefici per l’ambiente, ma anche dal punto di vista economico: l’utilizzo del compost permette di
evitare l’impiego di altri prodotti, a volte importati dall’estero; basti pensare ad esempio al minor costo
complessivo per l’approvvigionamento di torbe di provenienza nord europea, oltre ad un risparmio di
elementi della fertilità come l’azoto, il fosporo e il potassio, che si stima essere prossimo ai 30 milioni di
€.






Загрузка...