Rifiuti organici, come utilizzarli per concimare


Rifiuti organici




I rifiuti organici che si producono in casa possono essere utilizzati per concimare l’orto, il giardino o delle piantine. Creare una zona per il compost è una modo per riciclare i rifiuti organici.

Ma cosa si può utilizzare?

Sicuramente si possono utilizzare i gusci delle uova che sono inodore e possono essere aggiunti nella compostiera soprattutto per far ingrossare i peperoni; possono essere sparsi intorno alle insalate anche per tenere lontane le lumache oppure interrati prima dell’inverno.

Un altro rifiuto organico molto efficace per concimare sono le bucce di frutta come ad esempio le banane che sono ricche di potassio e che, frullate, possono divenire un concime liquido; ancora, si possono utilizzare le bucce di mele e pere, quelle di angurie e meloni e le bucce di frutti esotici.

Per farle decomporre più in fretta, tagliarle in pezzetti piccoli prima di buttarle nel mucchio. Meglio evitare invece le bucce di agrumi che possono essere troppo acidi.




Possono essere utilizzati anche scarti di verdura, fondi di caffè o di tè, foglie e fiori recisi, avanzi di cibo, carta da cucina o fazzoletti.

L’importante è che i rifiuti più solidi e di grandi dimensioni vadano sminuzzati per facilitarne la decomposizione.

Inoltre è sempre utile mescolare i residui secchi a quelli umidi

Inoltre è sempre utile mescolare i residui secchi a quelli umidi (due parti di composto umido deve corrispondere ad una parte di composto secco).

Invece bisogna evitare di utilizzare come compost lettiere di animali, scarti di piante che potrebbero contenere agenti patogeni, parti di legno verniciate o carta e cartone plastificati.

Oppure evitare alcuni rifiuti che anche se hanno un alto potere fertilizzante, puzzano e potrebbero attirare degli insetti quindi meglio limitare l’uso di avanzi di carne o pesce oppure usare delle accortezze:

  • ricoprirli con altri rifiuti secchi
  • non aggiungerli nella compostiera (perché puzzano e hanno tempi di decomposizione più lunghi)
  • interrarli in profondità e non lasciarli in superficie proprio perché potrebbero attirare degli insetti

[smiling_video id=”310048″]


[/smiling_video]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.