Termovalorizzatore e inceneritore, che differenze ci sono?   


Termovalorizzatore




Uno dei problemi della nostra società è lo smaltimento dei rifiuti; questi aumentano di pari passo con l’aumento della popolazione. Per gestire i rifiuti si utilizzano impianti come gli inceneritori che hanno come obiettivo la distruzione dei materiali inerti (prodotti dalle demolizioni delle strutture o dalla loro costruzione), bruciandoli ad alte temperature, però hanno come contro quello delle emissioni.

Per limitare le emissioni, si stanno sostituendo gli inceneritori con i termovalorizzatori che sono sempre impianti che servono per gestire i rifiuti inerti e quelli che possono essere recuperati e che ogni giorno vengono differenziati (come il vetro, la plastica, l’umido-organico, la carta).

La differenza sostanziale con gli inceneritori sta nel fatto che con i termovalorizzatori il rifiuto non viene solo bruciato e smaltito ma anche riutilizzato per produrre energia termica ed energia elettrica (questo perché nel bruciare i rifiuti, si genera vapore).

Come funziona un termovalorizzatore?

I rifiuti vengono trattati per ottenere combustibile che viene triturato e diviene pronto per la combustione. Così, dal calore ottenuto dai rifiuti bruciati, si produce elettricità




Di pari passo c’è il trattamento dei fumi di combustione e degli inquinanti: con le apparecchiature presenti nel termovalorizzatore si tiene sotto controllo lo stato dei fumi emessi.

Dalla caldaia di un termovalorizzatore escono energia e calore che possono essere recuperati in due modi: trasformati in energia elettrica per il territorio, oppure utilizzati per il teleriscaldamento.

Le ceneri invece vengono rese inerti e spedite in discarica mentre i fumi vengono inviati ad un sistema di filtraggio. Pur essendo molto meno inquinanti rispetto ai vecchi inceneritori, i termovalorizzatori non eliminano l’emissione di diossine nei fumi di scarico dispersi nell’atmosfera circostante.

In totale, la quantità di scorie che rimangono nei nuovi termovalorizzatori si riduce solo del 30% rispetto a quella emessa dai vecchi inceneritori.
[smiling_video id=”440081″]


[/smiling_video]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.