Riciclare un acquario, cosa farne?


Riciclare




Un acquario si può riciclare in ogni sua parte e ottenerne un altro oggetto. Gli acquari di solito sono costituiti da un box in vetro con base e coperchio plastico.

È molto facile trasformare lacquario in un terrario per piante grasse, piante carnivore e piante tropicali. Se poi lo dovete gettare, verificate dove vanno buttate le varie parti per evitare errori nella differenziata.

Ecco tutti gli step per poterlo realizzare:

  • per prima cosa pulire il vetro dell’acquario e una volta asciutto, stendere sul fondo uno strato di ghiaia alto 2,5 centimetri
  • aggiungere altro materiale fino ad arrivare a 5 centimetri, unendo anche pezzetti di carbone di legna
  • altri 5 centimetri di strato saranno invece torba e sabbia così da poter poi aggiungere delle piantine
  • decorare il fondale con delle rocce
  • mettere a dimora le piante disponendole in questo modo: le piante più alte in profondità e quelle più basse davanti e lasciare abbastanza spazio per la crescita tra una pianta e l’altra
  • innaffiare con uno spruzzatore e mettere il coperchio

Un consiglio per chi non ha il pollice verde o tempo per prendersi molta cura delle piante è quello di piantare i muschi, le felci e i licheni.

Un’altra idea è quella di trasformare l’acquario in una casa per tartarughe.




Bisogna però tener conto delle dimensioni dell’acquario considerando che ogni tartaruga ha bisogno di 20-25 litri di spazio mentre la profondità dell’acqua dovrebbe essere circa pari al doppio della lunghezza della tartaruga.

Calcolare, poi, almeno 30 centimetri di distanza dal punto più alto dell’acquario e il suo margine superiore.

Il fondale potrà essere lasciato libero così sarà anche più facile da pulire oppure si potranno inserire delle piante sommerse o coltivare ninfee (però sarà necessario un substrato).

Infine, si può realizzare anche un paludario partendo sempre dall’acquario da riciclare: si tratta di un sistema artificiale che ricrea la vita acquatica di un fiume o di un laghetto e la flora con le piante emerse.

Quindi si potranno coltivare piante epifite, palustri e acquatiche ed allevare pesci, rettili e anfibi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.