COP26, che cos’è 


COP26




La COP26 è la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP sta per “Conferenza delle Parti”, un dibattito dove sono presenti 190 leader mondiali, oltre che negoziatori, rappresentanti di governo, imprese e cittadini.

Fra gli altri, ci saranno gli interventi del premier britannico Boris Johnson, del premier italiano Mario Draghi, del primo ministro delle Barbados Mia Amor Mottley, del documentarista britannico David Attenborough, del segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres e del principe Carlo di Windsor.

Quest’anno la Conferenza si tiene a Glasgow, nel Regno Unito, dal 31 ottobre fino al 12 novembre: si tratta del primo aggiornamento che i Paesi fanno dei piani stilati durante l’Accordo di Parigi (COP21).

Durante quell’edizione tutti i Paesi accettarono di collaborare per limitare l’aumento della temperatura globale a 1,5°C.




I punti fondamentali che saranno affrontati durante l’evento sono:

  • azzerare le emissioni nette a livello globale entro il 2050 e puntare a limitare l’aumento delle temperature a 1,5°C, il tutto valutando delle misure come la fuoriuscita dal carbone e la riduzione della deforestazione, per realizzare un sistema a “zero emissioni nette” rispetto ai livelli del 1990
  • adattarsi per la salvaguardia delle comunità e degli habitat naturali, insediamenti umani e ambienti circostanti, che continueranno a subire gli effetti del cambiamento climatico e che quindi vanno protetti
  • mobilitare i finanziamenti e le risorse economiche per raggiungere questi obiettivi
  • collaborare a livello globale per realizzare quanto detto.

Purtroppo la situazione è ancora lontana dall’essere rassicurante dato che secondo il rapporto State of Global Climate 2021 della Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo), diffuso alla Cop26 di Glasgow, la temperatura media nel 2021 (da gennaio a settembre), è stata di circa 1,09 gradi sopra la media 1850-1900, cioè sopra i livelli pre-industriali.

Inoltre, gli ultimi 7 anni sono stati i più caldi da quando ci sono le rilevazioni della temperatura.

Altri aspetti preoccupanti riguardano gli oceani e il loro livello che ha cominciato ad alzarsi sempre più velocemente, e la concentrazione di gas serra che ha raggiunto nuovi massimi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.