COP26, l’obiettivo del summit


COP26




La COP26 è la conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici: quest’anno si tiene a Glasgow, nel Regno Unito, dal 31 ottobre al 12 novembre. Vi partecipano, oltre ai 190 leader mondiali, anche negoziatori, rappresentanti di governo, imprese e cittadini.

Alok Sharma, nominato dal Governo di Londra a presiedere la conferenza, l’ha definita “la nostra ultima, miglior speranza di mantenere raggiungibili gli 1,5°”.

Infatti gli obiettivi del summit sono:

  • azzerare le emissioni nette a livello globale entro il 2050 e puntare a limitare l’aumento delle temperature a 1,5°C, anche grazie a misure che contengano la fuoriuscita dal carbone, e riducendo le attività di deforestazione, così da realizzare un sistema a “zero emissioni nette” rispetto ai livelli del 1990
  • adattarsi per la salvaguardia delle comunità e degli habitat naturali, insediamenti umani e ambienti circostanti, che continueranno a subire gli effetti del cambiamento climatico e che quindi vanno protetti
  • mobilitare i finanziamenti e le risorse economiche per raggiungere questi obiettivi
  • collaborare a livello globale per realizzare quanto detto.

La COP26 è il primo aggiornamento che i Paesi fanno dei piani stilati durante l’Accordo di Parigi (COP21), quando concordarono di creare un piano nazionale indicante la misura della riduzione delle proprie emissioni.

Purtroppo il cambiamento climatico è una priorità, ed è urgente trovare delle soluzioni per fare in modo che l’aumento della temperatura sia limitato ad 1,5°C.




Stando a quanto si sta dicendo in questi giorni proprio a Glasgow, però, siamo ben lontani da questo traguardo: infatti, la temperatura media nel 2021, da gennaio a settembre, è stata di circa 1,09 gradi sopra la media 1850-1900 (cioè sopra i livelli pre-industriali).

Oltre a ciò, altre ripercussioni dannose dei cambiamenti climatici si riscontrano anche nel fatto che gli ultimi 7 anni sono stati i più caldi (da quando si rileva la temperatura) e gli oceani stanno aumentando molto velocemente il livello delle loro acque (sin dal 2013).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.