Discariche abusive, cosa si rischia


Discariche




In Italia, purtroppo, sono molto diffuse le discariche abusive: per “discarica abusiva” si intende un’attività di gestione illegale dei rifiuti pianificata e abituale, fatta da soggetti in accordo tra loro, che smaltiscono in modo non regolamentato i rifiuti per averne un ritorno economico. Ricordate che se vedete qualcuno che getta rifiuti in strada potete chiamare le forze dell’ordine.

Il codice 3 dell’art. 256

Il codice 3 dellart. 256 sanziona l’illecito della realizzazione o gestione della discarica abusiva.

Si tratta di una discarica effettuata e gestita in assenza dell’autorizzazione prescritta dalla legge quando si effettua il ripetitivo accumulo nello stesso luogo di sostanze oggettivamente destinate allabbandono (o anche mediante un unico conferimento di ingenti quantità di rifiuti che faccia assumere alla zona interessata linequivocabile destinazione di ricettacolo di rifiuti).

Chi mette in piedi una discarica abusiva, rischia una sanzione abbastanza esosa: arresto da 6 mesi a 2 anni e ammenda da 2.600 e a 26.000 e un aggravio degli importi sanzionatori con arresto da 1 a 3 anni e ammenda da 5.200 e a 52.000 se la discarica è destinata, anche solo in parte, ad accogliere rifiuti pericolosi.




Inoltre c’è anche la confisca

Inoltre c’è anche la confisca obbligatoria dellarea sulla quale è realizzata la discarica, sia in caso di condanna ordinaria, sia in caso di patteggiamento, se l’area è di proprietà dell’autore o del compartecipe del reato: entrambi vengono spogliati della disponibilità materiale del terreno.

In Italia purtroppo il fenomeno delle discariche abusive è molto diffuso: ci sono in tutto 22.000 siti di smaltimento illecito e nel 2018 sono stati sequestrati rifiuti per 54 milioni di tonnellate; queste si trovano soprattutto nella Terra dei Fuochi ma anche al Nord, in Lombardia.

Dal 2014, per questo, con una sentenza europea, l’Italia è costretta a pagare 42,8 milioni di euro ogni sei mesi, anche se alla fine di ogni semestre vengono detratti 200 mila euro per ogni sito messo a norma (400 mila se si tratta di rifiuti pericolosi).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.