Batterie, perché non devono essere smaltite nell’indifferenziata  


Batterie




Le batterie esauste sono molto inquinanti perché contengono metalli pesanti (mercurio, cadmio, piombo e cromo). Quindi prima di gettarle ed evitare errori nella differenziata è bene sapere come trattarle.

Per questo le pile non devono essere smaltite nell’indifferenziata o abbandonate in modo abusivo perché inquinano anche le acque (un solo grammo inquina ben 1.000 litri di acqua!).

Quindi è bene sapere come smaltire le batterie in modo corretto.

C’è una vera e propria regolamentazione sulla produzione e sullo smaltimento delle pile esauste ovvero il Decreto Legislativo 20 novembre 2008 n. 188, che distingue tra tre tipologie di pile e accumulatori.

  • per pile o accumulatori portatili si intendono le pile, le pile a bottone, i pacchi batteria o gli accumulatori che sono sigillati e trasportabili a mano;
  • per batterie o accumulatori per veicoli si intendono le batterie o gli accumulatori utilizzati per l’avviamento, l’illuminazione e l’accensione;
  • per pile o accumulatori industriali si intendono infine le pile o gli accumulatori progettati esclusivamente a uso industriale o professionale, o utilizzati in qualsiasi tipo di veicoli elettrici.

Focalizzandoci sulla prima tipologia di batterie, ovvero quelle che si trovano in piccoli strumenti di uso comune come orologi, telecomandi e così via, la legge impone ai produttori di finanziare un sistema di raccolta delle pile esauste, del tutto gratuito.




Comunque le alternative per lo smaltimento sono di portarle presso:

  • un’isola ecologica del gestore dei rifiuti urbani
  • un negozio autorizzato alla raccolta
  • i punti di raccolta presenti nelle principali strade di tutte le città

I privati possono dunque optare per queste alternative per smaltire le batterie e la stessa cosa vale per gli uffici in quanto non c’è una normativa specifica a riguardo.

Si può delegare ad un dipendente il compito di smaltire le batterie usate, utilizzando uno dei metodi sopra citati.

Per non avere questa “incombenza”, comunque, sempre più le pile vengono sostituite da quelle ricaricabili o da prodotti ad alimentazione elettrica (soprattutto negli uffici).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.