Bombe d’acqua, che cosa sono 


Bombe




Ultimamente si sente parlare spesso di “bombe d’acqua” che non sono altro che dei nubifragi molto violenti con una quantità di pioggia caduta che supera i 30 millimetri all’ora. La pioggia caduta può superare anche i 50 millimetri in due ore. In Italia, i danni delle bombe d’acqua sono stati tanti e devastanti: a Milano, una di queste ha provocato l’esondazione del Seveso mentre diversi altri disagi oltre che morti a Palermo.

Quindi per bomba d’acqua si intende un nubifragio dagli effetti devastanti e conseguenti allagamenti, straripamenti, danni alle tubazioni, caduta di alberi e traffico in tilt.

Ma come si formano le bombe d’acqua?

Le bombe d’acqua si originano dalle nuvole e si formano per via della differenza di temperatura che intercorre tra il suolo e il cielo: l’aria calda che viene dal mare si incontra, salendo, con le correnti più fredde, condensandosi e originando i temporali. In estate, questo fenomeno è dunque più frequente proprio perché le acque del mare sono più calde e c’è molta differenza di temperatura con le masse d’aria che si trovano negli strati superiori dell’atmosfera.

Questi fenomeni sono infatti aumentati per via del riscaldamento globale e del fatto che la temperatura dei mari è salita, negli ultimi anni, di quasi un grado. Quindi le acque sono diventate più calde e c’è una maggiore differenza di temperatura tra l’aria che sale dal mare e quella negli strati superiori dell’atmosfera, che è più fredda.




In definitiva, le nuvole si riempiono di pioggia e poi svuotano l’acqua in una sola volta, devastante e senza fine. Il problema è che i meteorologi possono prevedere quando ci saranno i temporali ma non la quantità di pioggia che cadrà, che è imprevedibile.

In linea generale, comunque le zone che devono stare all’erta sono quelle che si trovano in prossimità del mare (in Italia, ad esempio,  in Liguria e in Toscana questo fenomeno è molto frequente).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.