Ciani: “Ottima la crescita della differenziata in Italia”





Ambiente, Ciani (DEMOS): “Bene crescita differenziata in Italia, ora puntare su riciclo dei rifiuti ed economia circolare”

Economia circolare

“I dati diffusi dall’Istat su ambiente e raccolta differenziata sono una sfida per l’Italia. Ci sono buone notizie, come l’aumento delle famiglie che con regolarita’ differenziano plastica, carta, vetro e alluminio. Ma ancora troppi rifiuti vanno in discarica e negli inceneritori. Essere “campioni del mondo di differenziata” e poi mandare i rifiuti negli inceneritori o all’estero non ha senso, si finisce per inquinare e sprecare risorse. Bisogna puntare con maggiore convinzione sull’economia circolare, che rappresenta la vera risposta di fronte ai danni causati dall’inquinamento”. Cosi’ Paolo Ciani, coordinatore nazionale di Democrazia Solidale, commenta i dati diffusi stamattina dall’Istat.

Maggiore attenzione

“Il primo elemento da porre in rilievo e’ l’attenzione delle famiglie italiane per l’ambiente, che cresce negli anni: l’Istituto centrale di statistica segnala che nel 2018 l’87,1% delle famiglie ha effettuato la raccolta differenziata della plastica (erano solo il 39,7% nel 1998), il 71,3% dell’alluminio (27,8%), l’86,6% della carta (46,9%) e l’85,9% del vetro (52,6%). Sono convinto che la mobilitazione dei giovani che hanno manifestato con Greta Thuberg fara’ crescere ulteriormente questo impegno.

Il riciclo

Ora si pone con forza il problema del riciclo: sono troppi i rifiuti potenzialmente riciclabili che vanno ancora a smaltimento in discariche e vengono inceneriti (rispettivamente 23% e 18% secondo il Rapporto ISPRA 2018). L’Italia deve mettersi al più presto sulla strada dell’economia circolare, che rappresenta la vera risposta di fronte ai danni causati dall’inquinamento e può offrire anche vantaggi economici. Democrazia Solidale s’impegnerà per questo obiettivo a livello locale e nazionale” conclude Ciani.






Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 441 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.