Parco degli Acquedotti, non solo natura ma tanta storia


Parco degli Acquedotti, non solo natura ma tanta storia




Le nostre conoscenze sugli Acquedotti Romani sono precise grazie al soddisfacente stato di conservazione di alcuni di essi e grazie soprattutto al ritrovamento del libro di Frontino che, nel 97 d.C., descrisse la posizione esatta, l’importanza delle sorgenti, il percorso e la portata degli acquedotti stessi e che si possono ammirare all’interno del Parco degli  Acquedotti. Le numerosissime arcuazioni che anticamente si ergevano nella campagna romana, oggi sono difficilmente rintracciabili perché in parte interrate o soffocate dall’urbanizzazione intensiva.

Parco degli Acquedotti, 240 ettari di verde immersi nella storia

Il Parco degli Acquedotti, la cui area si estende per circa 240 ettari, si trova nella zona sud-est di Roma; delimitato da Via Lemonia, Via delle Capannelle, Via Appia Nuova e Via del Quadraro, è attraversato da ben sette acquedotti romani, da cui deriva il nome, realizzati in epoche diverse dal III secolo a.C. al Rinascimento: Anio Vetus e Anio Novus, Marcio, Tepula, Julia, Claudio e Felice. Le loro acque, provenienti dall’alta Valle dell’Aniene e da sorgenti dei Colli Albani, mediante complesse opere di ingegneria, arrivavano fino al centro di Roma per essere poi distribuite nella città.

Gran parte dei condotti non è visibile, sia perché sotterranei, sia perché in diversi casi alle strutture
esterne degli acquedotti più antichi, sono state sovrapposte quelle più recenti, come per l’acquedotto
Felice che ha ricalcato il percorso del Marcio. Sovrastano ancora l’area i resti delle imponenti arcate
dell’acquedotto Claudio che, insieme a quelle più basse del Felice, tra pini secolari, conferiscono
all’intera zona un aspetto suggestivo.

Tra i parchi prediletti dalle famiglie

L’immensa area verde del Parco degli Acquedotti destinata a verde pubblico dal piano regolatore del
1965 fu espropriata e liberata dalle baracche intorno agli anni 70. Dopo varie problematiche, dal 1988,
con l’appoggio di alcuni intellettuali entrò a far parte del Parco Regionale dell’Appia Antica.




Oggi è uno dei parchi romani prediletti dalle famiglie e dagli sportivi della città grazie alla presenza di
ampi percorsi in terra battura, ideali per qualsiasi tipo di attività all’aperto a Roma (corsa, bicicletta).
Offre un bel percorso pianeggiante di quasi 6 km in un panorama unico al mondo, unico svantaggio è la
mancanza di alberi che non offrono ombreggiature per mitigare la calura del sole.

Nell’area è predisposto un piccolo parco giochi per i più piccoli.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.