Parco della Caffarella, per una giornata immersi nel verde


Parco della Caffarella, per una giornata immersi nel verde




Il Parco della Caffarella, caratteristica valle fluviale e parte integrante del Parco dell’Appia Antica si estende subito dopo Porta San Sebastiano, tra Via Appia Antica, Via Appia Pignatelli e Via Latina, fino al confine più periferico tracciato da Via dell’Almone: poco più di 180 ettari che per la disposizione tra due delle più importanti vie dell’antichità hanno avuto una grande rilevanza dal punto di vista storico-artistico. Ma il suo valore naturalistico non è meno importante della sua rilevanza archeologica.

Parco della Caffarella, l’origine della valle

La valle originatasi geologicamente dallo stratificarsi di sedimenti piroclastici (tufi e pozzolane) del vulcanismo laziale, è attraversata dal fiume Almone, sacro agli antichi romani. In seguito a vari interventi di bonifica e sistemazione avvenuti nel corso dei secoli, il Parco della Caffarella, è ancora oggi uno stupefacente esempio di campagna romana. Accanto a pascoli, campi coltivati, piccoli e fitti boschi popolati da una ricca fauna troviamo dei reperti archeologici e storici di grande importanza.

Situata al di fuori delle mura della città, il Parco della Caffarella è il classico suburbio della Roma imperiale, con il suo “bosco sacro”, dove secondo la leggenda la Ninfa Egeria si incontrava con il re Numa Pompilio, di cui restano a testimonianza alcuni lecci secolari, si intravede un tempio antico, costruito in posizione dominante la valle e trasformato nel IX secolo in chiesa dedicata a S. Urbano.

Ai piedi della chiesa si inserisce il Ninfeo di Egeria, databile alla metà del II secolo d.C., ricavato artificialmente nel fianco della collina in prossimità di una sorgente d’acqua acidula, forse da identificare con il Lacus Salutaris, noto alle fonti antiche. Poco distante, nel fondovalle, si trova la Tomba di Annia Regilla, uno dei più bei monumenti intatti che esistono a Roma.
Nel 1536 la famiglia Caffarelli acquistò la valle riunificando le varie tenute circostanti in cui si era divisa e le attribuì il nome Caffarella, che ancora oggi conserva.




Le attività che si possono fare al Parco della Caffarella

Il Parco della Caffarella oltre a essere il luogo ideale per qualsiasi tipo di attività sportiva all’aperto a
Roma
è una delle aree verdi più grandi di tutta la Capitale. È consigliato per chi ama le due ruote e vuole
immergersi nella natura. I percorsi sono semplici con pochi tratti in salita, adatti anche ai bambini. È il
più selvaggio dei parchi romani, non offre percorsi o indicazioni ma offre ai runners percorsi ondulati
con molte curve e lunghissimi rettilinei pianeggianti e diversi strappi in salita ma è sicuramente il luogo
ideale per un’esperienza a 360°. Adatto a tutta la famiglia che vuole trascorrere una giornata all’insegna
del relax.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.