Parco Santa Maria della Pietà a Monte Mario, oasi perfetta per tutta la famiglia


Parco Santa Maria della Pietà a Monte Mario, oasi perfetta per la famiglia
Foto: Romaslowtour




Questo parco di Roma ha una storia che nasce agli inizi del secolo. Nel 1909 sulla collina di Monte Mario, nell’area localizzata presso la Via Trionfale, si diede avvio alla costruzione del nuovo manicomio di Roma, il più grande d’Europa, cui venne dato il nome di “Manicomio Provinciale di Santa Maria della Pietà”. Il complesso che aprì le porte nel luglio del 1913, fu inaugurato ufficialmente da Re Vittorio Emanuele III solo nel maggio del 1914. Furono realizzati 41 padiglioni, imponenti, che si estendevano su circa 130 ettari ed erano immersi in un grande parco di piante ad alto fusto, oggi parco Santa Maria della Pietà,  collegati fra loro da diversi viali per una lunghezza totale di circa 7 km.

Con l’entrata in vigore della legge 180 del 1978 i manicomi in Italia iniziarono uno alla volta a chiudere, nel 1999 toccò al Santa Maria della Pietà che chiuse definitivamente i suoi battenti. Lasciato nell’abbandono pressoché totale, solo recentemente alcuni padiglioni sono stati riutilizzati e il parco è stato aperto al pubblico.

Parco Santa Maria della Pietà, cosa fare all’interno

Il Parco di Santa Maria della Pietà, che fa da perimetro all’ex comprensorio manicomiale, per le
varietà botaniche che conserva al suo interno è considerato per importanza il secondo parco a Roma,
dopo il giardino botanico di Via della Lungara.
Oggi lungo i viali asfaltati che percorrono il parco in mezzo ai padiglioni, molti sportivi trovano piacevole
correre tra gli alberi che, con la loro chioma fanno ombra su quasi tutto il percorso e proteggono anche
dalla pioggerella: è un’oasi perfetta per i podisti che vivono tra l’asfalto e il cemento del Trionfale.

Un’iniziativa degna di nota è quella attuata dall’Atletica Monte Mario che nel parco ha installato un
prefabbricato in legno, adibito a spogliatoio e luogo di ritrovo per chi corre, ha inoltre misurato e
segnato il percorso di 2 km che allungandosi su un viale fuori del parco si può arrivare a sfruttare 3 km.
Il percorso è quasi tutto pianeggiante, fatta eccezione per una salita di 300 metri, tra il km 1,2 e il km 1,5
che recupera tramite una discesa più dolce di circa 400 metri. Il percorso è provvisto di fontanelle e
attrezzature per fare ginnastica. Il parco è frequentato anche da famiglie con bambini che possono
giocare nelle aree a loro dedicate e con tanti spazi per le attività all’aperto in questo bellissimo parco romano.




Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.