Energia green: l’Italia deve puntare di più sull’energia idroelettrica


Energia




La crisi energetica sta colpendo duramente il nostro paese, con conseguenze importanti sull’economia e bollette di energia elettrica quasi raddoppiate.

E se la bolletta aumentata rappresenta un’enorme difficoltà per una famiglia, per le imprese è un vero e proprio ostacolo da superare per riuscire a mantenere aperta l’attività.

Sono in molti, infatti, soprattutto tra le piccole imprese che hanno dovuto dichiarare chiusura in quanto non erano in grado di far fronte alle enormi spese, tra cui principalmente le bollette, e chi riusciva a tenere aperto comunque si vedeva costretto ad aumentare il prezzo dei suoi prodotti.

È evidente, quindi, che si tratta di una situazione che necessita di una soluzione e sono in molti ad essere concordi sul fatto che questa si trovi nell’energia green, prodotta da fonti rinnovabili, e in particolare l’energia idroelettrica.




Cos’è l’energia idroelettrica

L’energia idroelettrica viene prodotta in stabilimenti che prevedono un bacino d’acqua a monte, di tipo naturale o artificiale, con una diga a sbarrarne il corso e impedire che raggiunga la valle.

Il percorso dell’acqua viene, invece, indirizzato lungo delle condutture, dove questa poi scende a grande velocità all’interno di turbine idroelettriche e un alternatore.

L’acqua passando fa ruotare le turbine e produce energia cinetica, che dall’alternatore viene trasformata in energia elettrica.

Vantaggi

L’idroelettrico è considerato l’energia del futuro, una delle migliori alternative quando si parla di energia pulita, e molti ritengono che sarà quella maggiormente utilizzata.

Ha numerosi vantaggi che la rendono migliore non solo a confronto con il combustibile fossile, ma anche tra le altre fonti energetiche rinnovabili.

L’energia idroelettrica, infatti, possiede:

  • Rinnovabilità praticamente infinita, assicurata dalle precipitazioni che rinnoveranno sempre il bacino idrico di partenza.
  • Costi di creazione, mantenimento e manutenzione della centrale molto bassi: rientra tra le più economiche.
  • Enorme produzione, in quanto l’acqua ha un grandissimo potenziale energetico. Basta un solo impianto per il fabbisogno di milioni di persone.
  • È adattabile e controllabile: calibrando il flusso di acqua nelle turbine con delle dighe è possibile adattare la produzione al reale fabbisogno energetico, oltre che anticipare e prevedere periodi di siccità tramite il mantenimento di bacino.
  • L’acqua in uscita è acqua pulita e utilizzabile, che può tornare nei fiumi, essere utilizzata per l’irrigazione o essere immessa nel sistema idrico cittadino.

Energia idroelettrica in Italia

L’italia ha un grosso vantaggio nella scelta della produzione idroelettrica e si tratta del gran numero di corsi d’acqua che possiede.

È un paese solcato da montagne sia al centro che al nord, da cui scendono numerosi fiumi e torrenti, alimentati spesso dai ghiacciai, dai nevai, o dall’alta piovosità del paese, e questo ha reso l’Italia come il paese con più acqua in tutta Europa.

Attualmente le centrali idroelettriche producono circa il 40% del totale dell’energia complessiva tra quella prodotta da fonti rinnovabili, per una capacità di soddisfazione del fabbisogno nazionale del 15%.

Sono già numeri importanti, ma è evidente che, se c’è una direzione da prendere per quanto riguarda il bisogno di cambiare strategia energetica e far fronte alla crisi, quella dell’idroelettrica è la via migliore per il nostro Belpaese.
[smiling_video id=”437010″]


[/smiling_video]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.