Amianto su terreno privato, cosa fare


Amianto




L’amianto è un materiale che, fino agli inizi degli anni novanta, è stato molto utilizzato per la realizzazione di tetti, strutture coibentate e vasche per la raccolta idrica.

Comprendere la pericolosità

Solo quando si è compresa la sua pericolosità per la salute umana, è stato messo al bando.

Il rischio deriva infatti dall’inalazione delle fibre di amianto che si disperdono nell’aria quando il materiale subisce rotture oppure lesioni a causa di usura.

L’amianto può presentarsi in due forme, quella compatta e quella friabile.




Nel caso di amianto compatto, che è meno pericoloso per la salute umana, c’è l’obbligo di rimuoverlo solo se lo stato di degrado è molto elevato.

Quindi qualora ci fosse la presenza di amianto su un terreno privato, il proprietario dell’immobile avrà l’obbligo di contattare un tecnico abilitato per fare un’ispezione e, successivamente, una ditta specializzata iscritta all’Albo Nazionale Gestori Ambientali per la rimozione.

Per quanto riguarda l’amianto in forma friabile

Per quanto riguarda l’amianto in forma friabile, che è più pericoloso per le persone in quanto le polveri rilasciate nell’aria sono nocive, il proprietario dell’edificio oppure l’amministratore, nel caso di un condominio, è tenuto a comunicare alla Asl di riferimento (L.r. 31.07.2012 n. 14) la presenza di amianto friabile secondo quanto previsto dalla norma di riferimento.

Se infatti c’è mancanza di comunicazione della presenza di amianto friabile, si incorre in una sanzione che va da un minimo di 2000 euro ad un massimo di 5000 euro, solo nel caso in cui sia stato avviato un censimento degli edifici da parte della Regione di residenza.

Inoltre, se dal censimento degli edifici avviato dalla Regione emerge che nello stabile è presente amianto, al proprietario verrà inviato dall’Ufficio Ambiente di competenza, un ordine di smaltimento: da questo momento ha 30 giorni di tempo per provvedere.

Le sanzioni in caso di mancato trattamento incapsulante o di omissione di smaltimento, vanno da un minimo di 500 euro ad un massimo di 3500 euro.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.