Smaltimento rifiuti speciali, cosa dice la normativa di legge


Smaltimento rifiuti speciali, cosa dice la normativa di legge




La gestione dei rifiuti speciali è gestita da normative molto rigide che prevedono sia le procedure che le modalità di smaltimento rifiuti speciali.
I rifiuti speciali infatti sono quelli che  vengono prodotti da aziende e attività e di solito la gestione smaltimento rifiuti speciali non è gestita dalle
aziende comunali ma da aziende private specializzate che poi provvederanno a disfarsi a norma di legge del rifiuto stesso applicando un costo ritiro rifiuti speciali.

La gestione smaltimento rifiuti speciali, si basa su rapporti diretti che avvengono tra le ditte e le aziende che producono rifiuti a quelle che invece
forniscono il servizio di smaltimento rifiuti e che si occupano anche della parte burocratica con il documentale ad esempio ma anche con tutta una serie
di servizi come i contenitori rifiuti speciali che devono essere utilizzati per legge.

SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, COSA FARE PER ESSERE IN REGOLA

È fondamentale quando si parla di smaltimento rifiuti speciali avere a dispozione una documentazione che ne attesta l’effettivo smaltimento  da parte
di un’azienda specializzata in rifiuti speciali.
La prima cosa da fare è il registro carico e scarico su cui si devono annotare tutte le varie informazioni sia sulle caratteristiche dei rifiuti speciali
che poi saranno comunicate una volta l’anno all’ufficio del catasto.
È bene sapere che le indicazioni da scrivere sul registro devono essere effettuate entro dieci giorni dalla produzione e dallo scarico del rifiuto speciale,
deve essere conservato per almeno 5 anni e può essere visionato dalle autorità di controllo che ne fanno richiesta.

DEPOSITI TEMPORANEI RIFIUTI PERICOLOSI: CONTENITORI DI STOCCAGGIO

È chiaro che una ditta o una azienda può stoccare i rifiuti pericolosi all’interno della propria struttura, purché venga fatto in contenitori rifiuti speciali
definiti dalla legge. La normativa infatti definisce in quale modo tenere i rifiuti speciali dal punto di vista dell’imballaggio e l’etichettatura per non avere
problemi con gli organi di controllo ed evitare che si inquini la zona.
Infatti è molto importante che i contenitori rifiuti speciali siano prima di tutto etichettati con le specifiche relative al registro di carico e scarico,
stoccati nel modo corretto e delimitate le zone per evidenziare la pericolosità del rifiuto speciale.




OGNI QUANTO VANNO SMALTITI I CONTENITORI RIFIUTI SPECIALE

I contenitori rifiuti speciali vanno smaltiti con una cadenza ben precisa, la legge dice che infatti il deposito all’interno delle attività è un deposito
temporaneo e che quindi devono essere smaltiti dalle aziende specializzate rifiuti speciali. La norma da due opzioni:

  • Chi produce rifiuti speciali può smaltirli tramite le aziende specializzate ogni tre mesi dalla produzione a prescindere dalla quantità prodotta.
  • Il produttore che non superi i 20 metri cubi di rifiuti non pericolosi e che sia sotto i 10 metri cubi di rifiuti speciali può effettuare lo smaltimento
    una volta l’anno.

Ricordiamo che chi non ha un adeguato smaltimento rifiuti speciali incorre in una sanzione che varia dalle 2600 euro fino ad un massimo di
26000 euro più un arresto da 3 mesi a 2 anni in base alla pericolosità del rifiuto speciale.

 



Загрузка...
Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 428 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.