Smaltimento rifiuti speciali, quanto costa


Smaltimento rifiuti speciali, quanto costa




Per legge è fondamentale per chi produce rifiuti speciali, l’utilizzo di contenitori rifiuti speciali per stoccare e mantenere sotto controllo lo smaltimento rifiuti speciali e soprattutto la gestione dei rifiuti speciali.
Infatti tutte le aziende e le ditte che producono rifiuti speciali devono attenersi alla normativa per non incappare in sanzioni e multe molto elevate che
possono arrivare a 26mila euro ma anche alla reclusione che va da 3 mesi fino a due anni a seconda della pericolosità dei rifiuti speciali.

 RIFIUTI SPECIALI QUALI SONO E COME VENGONO CLASSIFICATI

Capire se produciamo o no rifiuti speciali è fondamentale per evitare sanzioni molto alte, la legge li ha classificati con precisione in modo da poter avviare il giusto
iter per lo smaltimento rifiuti speciali.
Possiamo considerare rifiuti speciali i seguenti elementi:

  • i derivati dalle attività agricole e agro industriali
  • demolizione, costruzione e scavo edile
  • produzione da lavorazioni industriali
  • rifiuti prodotti dalle attività artigianali, attività di tipo commerciale, attività di servizio
  • le aziende che fanno attività di recupero e smaltimento rifiuti

L’altra classificazione che viene poi data ai rifiuti speciali è quella di rifiuti speciali pericolosi  che sono quelli tossici  che contengono sostanze altamente
inquinanti e variano a seconda della tipologia di azienda più o meno “industriale”:

  • Raffinazione del petrolio
  • processi chimici e industriali
  • scarto fotografico come le pellicole
  • oli esausti (compreso l’olio delle friggitrici)
  • scarto della metallurgia
  • Solventi
  • attività medica e sanitaria
  • produzione tessile

SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI QUALI SONO I COSTI

Lo smaltimento dei rifiuti speciali non viene eseguito dalle aziende comunali che si occupano di ritiro convenzionale, il classico rifiuto urbano,
ma viene affidato ad aziende private specializzate in trattamento e riciclo di materiale pericoloso.
Di solito il rapporto è tra azienda e azienda e il costo varia a seconda della tipologia ma anche in base ai contratti che si fanno.
Da una ricerca svolta i prezzi vengono calcolati a chilogrammi e variano dallo 0,45 euro per i rifiuti meno pericolosi fino ad un massimo di 1,45 euro per
i rifiuti che prevedono precauzioni particolari come ad esempio gli scarti medici.




Ultimamente alcune aziende stanno proponendo invece un’alternativa interessante che riguarda l’affitto dei contenitori rifiuti speciali. Si tratta di accordi
particolari in cui l’azienda che effettuerà lo smaltimento rifiuti speciali darà in affitto i contenitori rifiuti speciali ad un canone mensile effettuando
la raccolta gratuitamente occupandosi anche della parte documentale.

Una soluzione intelligente che le aziende stanno prendendo in considerazione.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.