Olio da frittura, rientra nello smaltimento rifiuti speciali


Olio da frittura, rientra nello smaltimento rifiuti speciali




Quando si parla si olio vegetale ci si riferisce all’olio che si usa in cucina. In pratica il classico olio da frittura dovrebbe essere smaltito correttamente
per evitare grossi danni all’ambiente perché rientra nella categoria smaltimento rifiuti speciali.
Vi basti pensare che un misero litro di olio gettato negli scarichi è in grado di formare una patina che arriva alle dimensione di un campo da calcio.
Questa pellicola se a contatto con la falda idrica impedirà all’acqua stessa di ossigenarsi correttamente.
È bene sapere che l’olio vegetale e l’olio da frittura rientra nella normativa smaltimento rifiuti speciali, come l’olio delle auto ad esempio.
Si deve sapere che l’olio, dopo averlo usato per friggere modifica la sua struttura molecolare assorbendo tutta una serie di componenti tra cui la
carbonizzazione dei residui alimentari e quindi rientra nella gestione rifiuti speciali e che verranno gestiti tramite aziende private che si occupano di smaltimento rifiuti speciali. Quindi è bene sapere il costo del servizio recupero rifiuti speciali.

OLIO DA FRITTURA, GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

Per quanto riguarda la normativa è bene ricordare che i rifiuti sono classificati in diverse categorie, questo per ottimizzare il processo di riciclo.
In questo caso specifico, l’olio vegetale è trattato come rifiuto speciale non pericoloso, questo significa che lo smaltimento olio vegetale
è regolato da una legge a cui ci si deve attenere.
Quindi, tutti i locali che producono olio vegetale da frittura hanno l’obbligo di stoccarli in appositi contenitori che poi  saranno ritirati da aziende
specializzate che provvederanno a riciclarli o a smaltirli a norma di legge.

In alternativa è possibile portarlo direttamente in discarica e versarlo negli appositi contenitori posti all’interno delle strutture di stoccaggio.

OLIO DA FRITTURA DEI RISTORANTI LEGGE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI?

Per quanto riguarda ristoranti, tavole calde e bar che utilizzano oli vegetali, devono attenersi alla normativa smaltimento oli vegetali esausti.
A differenze delle aziende industriali che devono avere un registro in cui annotano il carico e lo scarico dello smaltimento olio vegetale,
i ristoratori devono solamente dimostrare di stoccare in maniera adeguata gli oli alimentari usati e di consegnarli periodicamente, la legge dice almeno una
volta l’anno, alle aziende che sono autorizzate allo smaltimento di rifiuti speciali.
Per chi non segue la legge ci sono sanzioni molto alte, che vanno da 26o euro fino ad un massimo di 1550 euro. In caso di aziende più grandi,
in caso di mancato registro vedranno applicata una sanzione che va da 2600 euro fino ad un massimo di 15500 euro.




Il giusto smaltimento dell’olio vegetale esausto fa si che venga rimesso sul mercato trasformato in biodiesel, glicerina per la saponificazione,
lubrificanti ecofriendly e si evita l’inquinamento delle falde acquifere, sottolineiamo che un solo litro di olio vegetale esausto può portare
all’inquinamento di 1 milione di litri di acqua potabile.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.