Siccità, nei prossimi anni si teme aumento dei migranti climatici 


Siccità




Non si parla ancora molto di questo tema ma purtroppo è bene pensarci: nel corso degli anni tantissime persone saranno costrette ad abbandonare tutto ciò che hanno per migrare in posti più vivibili. Cosa possiamo fare nel nostro piccolo? Sicuramente ottimizzare l’utilizzo dell’acqua, evitare gli sprechi, chiudere i rubinetti quando non utilizziamo l’acqua, come quando ci laviamo i denti o i capelli e se abbiamo un giardino valutare di installare un serbatoio di raccolta acque.

Questo a causa dei cambiamenti climatici

Questo a causa dei cambiamenti climatici e del riscaldamento globale che porterà a rendere meno vivibili tantissimi paesi del mondo che saranno sottoposti ad eventi climatici estremi.

Anche la siccità renderà davvero invivibili alcuni posti del pianeta, perché come sappiamo la risorsa idrica è quella che rende possibile la vita.

Secondo delle stime del Rapporto Growndshell della Banca Mondiale, entro il 2050 circa 216 milioni di persone del mondo dovranno lasciare le loro case e i loro paesi e migrare altrove.




Entro il 2050 l’Africa subsahariana potrebbe contare fino a 86 milioni di migranti climatici interni e 19 milioni il Nord Africa.

In Asia orientale e Pacifico si stimano 49 milioni mentre 40 milioni per le aree asiatiche meridionali. Per l’America Latina si prevedono 17 milioni mentre tra Europa orientale e l’Asia centrale, 5 milioni.

Le migrazioni saranno forzate

Le migrazioni saranno forzate, alcune persone tenderanno a sopravvivere e altre si sposteranno in modo più graduale, soprattutto i giovani, che tanto possono fare già da ora per cercare di alleviare questo problema.

Tutt’ora molta popolazione del mondo è colpita da disastri legati al clima (almeno 139 milioni di persone) e fra queste ci sono anche migranti climatici: i posti più colpiti sono Sahel e il Bangladesh.

I Governi comunque si stanno impegnando per tutelare questa categoria di persone (i migranti climatici) e alcuni decreti di sicurezza approvati a dicembre scorso prevedono lo stesso trattamento riservato a chi fugge da guerre o carestie.

A questi viene assicurato il diritto a una protezione umanitaria non solo rispetto al singolo evento ma anche all’impossibilità tornare nel proprio Paese.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.