Energia nucleare, più i pro o i contro?


Energia nucleare




Una fonte energetica che sta “animando” l’opinione pubblica e i mass media già da diversi anni è l’energia nucleare. Oggi si discute molto su quale potrebbe essere la migliore fonte di energia sostenibile per fare in modo da essere meno impattanti sul pianeta.

Questa ha diversi pro e contro.

Bisogna prima di tutto partire da come viene prodotta nelle centrali nucleari; la sua produzione infatti avviene mediante il bombardamento di uranio con neutroni.

Il nucleo dell’uranio viene diviso in due nuclei più piccoli (per fissione nucleare) generando nuovi nuclei che a loro volta vengono bombardati da altri nuclei di uranio, dando luogo alla famosa reazione a catena nucleare.

A differenza dei combustibili fossili, però, l’uranio non emette anidride carbonica in atmosfera (responsabile dell’effetto serra) e questo è sicuramente un pro.




Un altro potenziale pro, che vede una piccolissima parte dell’opinione pubblica favorevole al nucleare, è il fatto che grazie a questo si riuscirebbe ad uscire dalla dipendenza petrolifera dell’Italia da altri paesi.

Un contro è invece il fatto che durante questo processo viene emessa radioattività ad alta intensità e quindi gli oggetti esposti alle radiazioni assorbono radioattività, diventando scorie radioattive (e solo se stoccate per migliaia di anni perdono la loro radioattività).

Altri contro sono invece gli aspetti economici e della sicurezza

Altri contro sono invece gli aspetti economici e della sicurezza: infatti l’opinione pubblica è stata molto scossa dai fenomeni accaduti a Chernobyl e Fukushima; proprio per questo, “nucleare” nella visione collettiva vuol dire “disastro” e danni per l’ambiente ma soprattutto per la salute (ovviamente questi impianti potrebbero, con le loro emissioni, essere problematici per la salubrità dell’ambiente e avere, soprattutto nel lungo periodo, effetti negativi sulla salute).

I costi per il nucleare sono elevatissimi, essendo richiesta altissima tecnologia e competenza dei progettatori degli impianti; altri costi sono quelli per la messa in sicurezza militare contro eventi terroristici o naturali.

A questi costi dovrebbe contribuire sicuramente la finanza pubblica e quindi ovviamente i cittadini.

Come? Con un rincaro sulla bolletta elettrica.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.