Luci di natale rotte, possono essere riciclate? 


Luci




Può capitare che le luci di Natale si rompano, per via del trasformatore o perché si fulminano. Ma come vanno smaltite le luci di Natale rotte? Possono essere riciclate? Prima di commettere errori nella raccolta differenziata meglio informarsi e seguire le linee guida dei vari comuni.

Si considerano come RAEE

Si considerano come RAEE (rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche) e non vanno nella pattumiera dell’indifferenziato o della plastica.

Si possono portare presso l’isola ecologica, al cassonetto R4, dove vanno conferite oltre che le luci di Natale rotte, anche gli apparecchi di illuminazione, i piccoli elettrodomestici e l’elettronica di consumo.

Conferiti in questo cassonetto apposito, i rifiuti elettrici ed elettronici vengono avviati a corretto riciclo: infatti, grazie al corretto trattamento dei Rifiuti Elettrici ed Elettronici si possono recuperare fino al 95% di materie prime seconde, ovvero materiali impiegabili in nuovi cicli produttivi.




Oppure, per smaltire le luci di Natale rotte, si può sfruttare la formula 1 contro 0, ovvero si possono conferire al rivenditore di elettrodomestici senza acquistarne di nuove.

Ma questa formula si applica solo per RAEE che non superano i 25 centimetri di lunghezza (spesso le luci di Natale sono più lunghe) e nei negozi in cui la superficie dedicata alla vendita di elettrodomestici supera i 400 metri quadrati.

Oppure si può utilizzare la formula dell’1 contro 1

Oppure si può utilizzare la formula dell’1 contro 1: si può lasciare un rifiuto elettrico al negozio per comprarne uno nuovo. Quando si comprano le luci di Natale, è bene fare attenzione alla qualità, per evitare che si rompano facilmente.

Quindi, controllare sull’etichetta se appare la dicitura CE che indica che il prodotto è stato realizzato secondo i dettami della direttiva europea 2006/95 che stabilisce i parametri di sicurezza di diversi articoli, tra i quali anche le luci natalizie.

Inoltre, per un’ulteriore garanzia, si può provare a vedere se c’è un’altra sigla, ovvero “lmq”, che è facoltativa, ma indica che il prodotto ha superato una serie di test da parte di un organismo indipendente.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.