Impianti fotovoltaici: fasi di installazione e incentivi fiscali


Impianti




L’aumento dei consumi, a causa dei nuovi stili di vita e della diffusione di tecnologie smart per il funzionamento di abitazioni e aziende, sta rendendo sempre più impellente la necessità di risparmiare sui costi energetici, ad esempio sfruttando un impianto fotovoltaico. Per determinare la tipologia prescelta è fondamentale tenere presenti proprio le abitudini di chi se ne servirà, perché il risparmio si ottiene facendo coincidere il picco dei consumi con quello della produzione, ma anche grazie all’installazione di un sistema di accumulo, che permette di sfruttare l’energia anche quando l’impianto non è in funzione.

L’installazione di pannelli fotovoltaici richiede l’intervento di un professionista, sia in fase di progettazione che di gestione, esperto sulle normative in materia. Servono infatti certificazioni di conformità rilasciate da organismi preposti per i pannelli solari e per gli inverter, qualora si voglia collegarli alla rete elettrica generale. Tuttavia, anche l’utente dovrebbe essere a conoscenza delle procedure a grandi linee, sapendo in particolare quali fasi sono necessarie per montare un impianto fotovoltaico.

Impianto fotovoltaico: iter di installazione

Per iniziare, bisogna essere proprietari di un immobile o avere l’autorizzazione da parte del locatario: solo così si potrà procedere con i lavori. Se il permesso viene accordato, può cominciare il sopralluogo, attuato da un tecnico qualificato che valuterà l’abitazione, per verificare la fattibilità dell’operazione: in particolare si concentrerà sul tetto, considerando le sue dimensioni ed eventuali zone d’ombra, per capire come posizionare i pannelli per renderne massima l’efficienza, e analizzerà la presenza di eventuali vincoli paesaggistici e ambientali sul territorio. Alla valutazione del sito si aggiunge quella dei consumi elettrici, per dimensionare l’impianto in maniera adeguata e determinare quando avverrà il ritorno economico sull’investimento fatto. Se il progetto risulta concretizzabile si procede con la scelta dei tipi di pannello, tenendo in considerazione i fattori studiati nella fase preliminare, e si ragiona su come gestire l’energia inutilizzata. Questa si può riversare nella rete elettrica nazionale, oppure si raccoglie tramite un sistema di accumulo, soluzione sempre più gettonata perché ormai diventata alla portata di tutti, sia per la diminuzione dei prezzi che per le agevolazioni fiscali. In base a tali considerazioni, il tecnico suggerirà uno specifico impianto. Nello step di progettazione rientra anche la gestione burocratica dei lavori. Il momento dell’installazione vera e propria prevede la preparazione del cantiere, la posa delle strutture di supporto e dei moduli fotovoltaici e dell’inverter. Infine, si fa richiesta di collegamento alla rete elettrica al gestore.




Manutenzione: prendersi cura dell’impianto

Ultima, ma non per importanza, la manutenzione dei pannelli solari, importante soprattutto se si ha a che fare con medie o grandi installazioni come quelle aziendali, ma anche per gli impianti di dimensioni ridotte. Fondamentale la pulizia regolare, perché solo grazie a essa il pannello sarà ricettivo al massimo. Polveri, fogliame o escrementi di volatili dovranno essere rimossi con l’ausilio di appositi strumenti, mentre per una manutenzione straordinaria atta a prevenire blocchi o guasti è necessario rivolgersi ad aziende specializzate nel fotovoltaico, soprattutto prima del periodo estivo che tendenzialmente coincide con la massima produttività.

Senza manutenzione, il ciclo di vita dell’impianto si accorcia drasticamente, e avviene un calo di produzione, con conseguente diminuzione del risparmio economico.

I vantaggi del fotovoltaico

In realtà, prima di conoscere per filo e per segno i vari passaggi relativi all’installazione di un impianto fotovoltaico, bisognerebbe interrogarsi sui vantaggi che comporta possederne uno. Lo sfruttamento dei raggi solari per produrre energia elettrica rappresenta una soluzione green che ben si sposa con gli obiettivi dei prossimi anni, che tutti i Paesi del globo vogliono raggiungere in materia di tematiche ambientali.

Oltre a ridurre le emissioni di anidride carbonica, un impianto fotovoltaico giova anche al portafoglio, perché riduce drasticamente i costi della bolletta, e dà la possibilità di rifornirsi in autonomia dell’energia necessaria per affrontare la quotidianità. Grazie ai sistemi di accumulo inoltre, non si dovranno temere la notte o i giorni di pioggia, perché si potrà comunque sfruttare l’energia immagazzinata al loro interno. La convenienza di un impianto è data anche dalle detrazioni fiscali, purché in fase di realizzazione vengano rispettati precisi criteri. Vediamo quali sono le agevolazioni a cui i privati e le aziende possono accedere.

Quali le agevolazioni previste?

Un incentivo valido anche nel 2021 è il bonus ristrutturazioni edilizie, che comprende un sostegno per l’installazione di pannelli solari. La detrazione IRPEF del 50% può essere applicata per il montaggio di impianti fotovoltaici, per quei lavori avviati dal 1° gennaio 2021 fino al 31 dicembre dello stesso anno, purché le spese sostenute non superino i 96 mila euro. Possono usufruirne sia le singole unità immobiliare, che le parti in comune degli edifici condominiali. All’Enea serviranno dati in merito agli interventi effettuati, per monitorare la situazione e valutare il risparmio energetico conseguito, pertanto chi utilizzerà il bonus dovrà occuparsi di inviarli telematicamente.

Per incentivare le aziende invece, vengono offerte agevolazioni specifiche a livello nazionale così da ammortizzare i costi di investimento negli impianti fotovoltaici. Tra queste il credito d’imposta al 10%, sfruttabile su una spesa massima di 2 milioni di euro e valido fino al 31 dicembre 2021, che varia a seconda del fatturato dell’impresa; e il Reverse Charge, che permette alle aziende che investono nel fotovoltaico di non pagare immediatamente l’IVA allo Stato.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.