PM10, cosa possono causare all’essere umano


PM10




Uno dei principali fattori di rischio per la salute dell’uomo è l’inquinamento dovuto alle polveri sottili. Per polveri sottili si intendono PM10, PM1, micron o particolati, ovvero sostanze, materiali e particelle sospese in aria che derivano sia da sorgenti naturali sia dall’attività dell’uomo.

Attività preveda combustione

Derivano soprattutto da qualsiasi attività preveda combustione: quindi ad esempio dal motore a scoppio delle automobili oppure dai freni e dalle gomme che portano a sollevare le polveri da terra.

Ancora, dagli impianti di riscaldamento, caldaie, stufe a pellet e camini, che disperdono nell’atmosfera fumi e fuliggini. Oppure dalle centrali termiche e dai processi industriali così come dagli allevamenti intensivi.

Per quanto riguarda le principali fonti naturali di polveri sottili sono riconducibili a incendi boschivi, attività vulcanica ed erosione terrestre.




Queste piccole particelle sono pericolose perché possono introdursi nel corpo fino a raggiungere i polmoni ma anche il flusso sanguigno; più queste particelle sono piccole e più superano le naturali barriere del corpo.

Da qui, riescono a depositarsi nei bronchioli e poi ad arrivare fino agli alveoli e quindi nel circolo del sangue.

Inizialmente si possono manifestare effetti immediati come ad esempio irritazione a occhi, naso e gola, problemi di respirazione, mal di testa, stanchezza e bassa concentrazione.

Ma gli effetti possono essere ancora più gravi

Ma gli effetti possono essere ancora più gravi, portando a ricoveri ospedalieri per malattie cardiache e respiratorie, oppure all’insorgenza di cancro.

Anche per i bambini le polveri sottili sono pericolose perché l’inquinamento in genere ritarda la crescita polmonare, favorisce l’asma e rallenta lo sviluppo cognitivo. Ancora, le polveri sottili nei bambini (ma anche negli adulti) possono portare a sviluppare delle allergie.

Le donne in stato di attesa non dovrebbero respirare polveri sottili per evitare interferenze endocrine che influiscono sul loro sistema ormonale e sulla tiroide, con conseguenze sullo sviluppo del cervello del bambino.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.