Protocollo di Kyoto, perché è importante 


Protocollo




Il Protocollo di Kyoto è stato sottoscritto l’11 dicembre 1997 durante la Conferenza delle parti di Kyoto ma è entrato in vigore solo il 16 febbraio 2005 grazie alla sua ratifica da parte della Russia (poiché era necessario che venisse ratificato da non meno di 55 Nazioni, e che queste stesse Nazioni firmatarie complessivamente rappresentassero non meno del 55% delle emissioni serra globali). Oggi ad esempio movimenti come Fridays for Future, con moltissimi giovani al suo interni, si batte proprio per sensibilizzare l’impatto che stiamo avendo sull’ambiente e su come prevenire .

È un accordo internazionale

È un accordo internazionale che stabilisce precisi obiettivi per ridurre le emissioni di gas responsabili dell’effetto serra e del riscaldamento del pianeta da parte dei Paesi industrializzati che vi hanno aderito.

Gli stati che hanno aderito al trattato hanno accettato di rispettare gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra, i cosiddetti gas climateranti, che hanno appunto effetti sul clima, e sono: anidride carbonica, metano, protossido di azoto, idrofluorocarburi, perfluorocarburi, esafluorouro di zolfo.

La prima fase del protocollo di Kyoto è terminata nel 2012 e dal 2013 al 2020 c’è stata la seconda fase, Kyoto 2.




Quindi l’importanza di questo protocollo sta nel fatto che questo trattato serve proprio per aiutare gli stati del mondo a ridurre le emissioni di gas serra.

Infatti l’aumento delle emissioni di questi gas serra in atmosfera è uno dei problemi più “caldi” degli ultimi anni, in quanto hanno il “potere” di alterare il clima del pianeta.

Quindi gli Stati si impegnano

Quindi gli Stati si impegnano a diffondere delle politiche industriali e ambientali per contrastare il surriscaldamento del Pianeta mediante l’implementazione di alcuni strumenti come:

  • Internation emission trading: se un Paese riduce le proprie emissioni e lascia un “avanzo” di emissioni da poter emettere, può vendere questo avanzo a un altro Paese che non riesce a raggiungere tale obiettivo
  • Clean Development Mechanism: i Paesi industrializzati possono compensare le proprie emissioni con l’avvio, in altri Paesi in via di sviluppo, di progetti finalizzati alla riduzione di emissioni in quelle aree
  • Joint implementation: i Paesi devono realizzare progetti di riduzione di emissione in altri Paesi ugualmente soggetti a vincoli, in modo tale da generare zero emissioni in entrambi i Paesi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.