Protocollo di Kyoto, quando è stato stilato?


Protocollo




Il Protocollo di Kyoto è stato sottoscritto l’11 dicembre 1997 durante la Conferenza delle parti di Kyoto ma è entrato in vigore solo il 16 febbraio 2005 grazie alla sua ratifica da parte della Russia.

Era infatti necessario che venisse ratificato da non meno di 55 Nazioni, e che queste stesse Nazioni firmatarie, complessivamente rappresentassero non meno del 55% delle emissioni serra globali. Per questo ci sono movimenti che sono nati, come il Fridays for future formati da giovani ragazzi che si battono per il clima.

Il trattato ha come obiettivo

Il trattato ha come obiettivo quello di portare ad una riduzione delle emissioni dei gas serra climalteranti, che riscaldano il clima terrestre, come anidride carbonica, metano, protossido di azoto, idrofluorocarburi, perfluorocarburi e esafluoruro di zolfo.

Gli strumenti del Protocollo di Kyoto per favorire la sua implementazione sono:




  • Joint implementation: i Paesi devono realizzare progetti di riduzione di emissione in altri Paesi ugualmente soggetti a vincoli, in modo tale da generare zero emissioni in entrambi i Paesi
  • Emission Trading: se uno dei Paesi firmatari dell’accordo riesce a ridurre le proprie emissioni inquinanti in percentuali molto superiori a quelle previste dal Trattato di Kyoto, può vendere la quota eccedente ad un altro Paese che non riesce
  • Clean Development Mechanism: un sistema di collaborazione e cooperazione internazionale che unisce Paesi industrializzati e in via di sviluppo in progetti e programmi finalizzati all’attuazione degli obiettivi stabiliti dal Protocollo di Kyoto ed in particolar modo alla sostenibilità ambientale.

Con l’emendamento di Doha

Con l’emendamento di Doha, adottato l’8 dicembre 2012, è iniziata la seconda fase del Protocollo di Kyoto, fino al 2020.

È stato aggiornato l’elenco di gas serra con l’aggiunta del trifloruro di azoto e le azioni previste per ridurli.

I Paesi in questo arco di tempo si sono stati impegnati a ridurre nei prossimi anni le emissioni di queste sostanze di almeno il 18% rispetto ai livelli del 1990 e a questo emendamento ha aderito anche l’Italia.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.