Friday for future, ci sono sedi in Italia? 


Friday




Friday for future è un movimento creato dall’attivista Greta Thunberg. Movimento nato per salvare la terra e sensibilizzare la politica internazionale a limitare l’uso del combustibile fossile e quindi le emissioni di CO2.

Partecipano a questo movimento

Partecipano a questo movimento soprattutto i giovani come ragazzi e ragazze tra i 14 e i 25 anni, spaventati dalla crisi climatica.

Il venerdì per il futuro consiste in una serie di scioperi mondiali che coinvolgono oltre sette milioni di persone in più di cento Paesi.

Anche in Italia il movimento è attivo e i ragazzi sono scesi in piazza in oltre 180 città durante il venerdì per il futuro.




Ci sono inoltre più di 140 gruppi di coordinamento a livello locale, come si può vedere sulla mappa pubblicata sul sito italiano dedicato al movimento; su un account Twitter (@fffitalia) e su una pagina Facebook (@FridaysItalia).

I giovani scioperano per il clima e per chiedere ai governi di adottare delle politiche efficaci in campo ambientale, nel rispetto degli accordi di Parigi del 2015.

Un obiettivo più ambizioso

Un obiettivo più ambizioso è lazzeramento delle emissioni nette di gas serra a livello globale entro il 2050, per raggiungere il quale si rende necessaria una transizione energetica dai combustibili fossili alle fonti rinnovabili.

Ma una delle richieste principali del movimento in Italia è stata quella di chiedere al Ministero dell’Istruzione di aumentare i fondi destinati alla scuola, all’università e alla ricerca per sostenere l’innovazione ecologica e rendere gli istituti scolastici sostenibili al 100%.

I ragazzi continuano a battersi ed infatti il 19 marzo 2021 è stato lanciato lo slogan “Basta false promesse” per ridare slancio al dibattito sulla questione climatica e 7 proposte per l’utilizzo dei fondi del NextGenerationEu:

  1. la realizzazione di impianti che utilizzino fonti rinnovabili
  2. la riduzione dei consumi energetici del patrimonio edilizio pubblico
  3. la riconversione industriale
  4. la mobilità sostenibile
  5. l’adattamento al clima dei territori
  6. il sostegno alla ricerca pubblica e privata
  7. il rafforzamento del modello agro ecologico


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.