Smog, con +3 gradi di massima al Nord natura in tilt


Smog, con +3 gradi di massima al Nord natura in tilt




Non solo smog nelle città, dalla fioritura delle viole fuori stagione alle fastidiose zanzare fino all’invasione biblica delle cimici sono gli effetti di un autunno
insolitamente caldo con temperature massime superiori di 3 gradi la media al nord ma con una anomalia che a livello nazionale è stata comunque di 2,4 gradi,
con una forte escursione termica.
E’ quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti sulla base dei dati Ucea relativi alla seconda decade del mese di ottobre.
Con le alte temperature si assiste ad insolite fioriture ma resistono le zanzare che continuano ancora a pungere e si moltiplicano anche gli insetti dannosi per l
e piante con una vera invasione biblica della “cimice marmorata asiatica” originaria dalla Cina che è arrivata anche nelle case dopo aver distrutto i raccolti
nei frutteti, negli orti ma anche le grandi coltivazioni di soia e di mais.

Il comparto ortofrutticolo nazionale ha registrato gravi perdite

Il comparto ortofrutticolo nazionale, a causa dell’insetto, ha registrato nelle aziende colpite gravi perdite, in particolare, per quanto riguarda la coltivazione
di mele, pere e pesche, che vanno oltre il 40% in areali fortemente vocati a tali produzioni.
Va anche detto che i danni causati da tale insetto determinano una notevole percentuale di frutti deformi (in alcuni casi superiore al 50%) con conseguente
deprezzamento o non commerciabilità.
La diffusione della “cimice marmorata asiatica” – sostiene la Coldiretti – è particolarmente pericolosa per l’agricoltura perché si tratta di un insetto
particolarmente prolifico con il deposito delle uova almeno due volte all`anno con 300-400 esemplari alla volta.

Un problema che – continua la Coldiretti – rende molto difficile la lotta all’insetto che da adulto è in grado di volare per lunghe distanze alla ricerca del cibo
e sverna come adulto in edifici o in cassette e anfratti riparati per poi raggiungere in primavera le piante per alimentarsi, accoppiarsi e deporre le uova.
Quest’anno la situazione è drammatica soprattutto nel nord est, tra Friuli e Veneto, anche se non mancano riscontri in altre regioni, dalla Lombardia all’Emilia
fino al Piemonte.

Se le cimici provocano vere stragi delle coltivazioni, per l’uomo, oltre al fastidio provocato dagli sciami che si posano su porte, mura delle case e parabrezza
delle auto, l’unico pericolo – continua la Coldiretti – è il cattivo odore che gli insetti emanano se schiacciati.
La ricerca in laboratorio e in campo è impegnata – conclude la Coldiretti – nell’affrontare la lotta alla cimice asiatica allo stadio primordiale agendo sul suo
metabolismo per arginare la problematica prima che le cimici si sviluppino sulle varie colture.




Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 443 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.