Contenitori rifiuti, dove si prendono e come devono essere usati


Contenitori rifiuti, dove si prendono e come devono essere usati




Quando si parla di contenitori rifiuti bisogna sempre specificare che tipo di rifiuto deve contenere in modo che il  processo di smaltimento dei rifiuti sia perfetto.
Partiamo da quelli che sono più semplici, i rifiuti domestici urbani, quelli che produciamo tutti i giorni a casa.
La prassi prevede che un comune che decide di passare dalla raccolta fatta nei cassonetti a quella porta a porta faccia si che i contenitori rifiuti
differenziata
vengano gestiti e consegnati alla cittadinanza che provvederà alla gestione rifiuti e al loro smaltimento.
Di solito ci si reca nei punti di stoccaggio e, previa presentazione del bollettino di avvenuto pagamento della tassa sulla nettezza urbana,
vengano consegnati i famosi mastelli, i contenitori dove inserire plastica, vetro, umido e indifferenziato.

Contenitori rifiuti ce ne sono diversi tipi?

Diciamo che in commercio ci sono diversi tipi di contenitori rifiuti, ad esempio i contenitori rifiuti da esterno che vengono spesso utilizzati per l’umido
e gli scarti del giardino.
Infatti è possibile riempirli con l’erba tagliata o foglie secche e verranno smaltiti dalla ditta incaricata durante il giorno prestabilito. Oppure tenuti per formare il compost, il concime naturale fatto con gli scarti dell’umido e dei giardini.
In commercio poi è possibile trovare contenitori rifiuti da interno più carini di quelli che consegnano i comuni, l’importante è che vengano poi utilizzati
quelli ufficiali durante i passaggi di raccolta per poter svolgere nel migliore dei modi lo smaltimento rifiuti urbani.

Contenitori rifiuti speciali modalità e consegna

Per quanto riguarda i contenitori rifiuti speciali, la situazione è ben diversa. Di solito chi produce rifiuti speciali sono aziende che lavorano determinati
prodotti, dall’0fficina meccanica con gli oli motore e le pasticche che contengono elementi molto inquinanti, alle aziende ospedaliere che producono
rifiuti ospedalieri pericolosi, ma anche i ristoranti con gli oli di frittura.

In questo caso lo smaltimento viene affidato a ditte private che avranno un rapporto diretto con i produttori di rifiuti speciali. Molto spesso i contratti di collaborazione con queste aziende prevedono l’affitto di contenitori rifiuti pericolosi come nel caso dell’olio motore o l’olio da frittura che verrà stoccato
all’esterno del locale. Stessa cosa accade per i contenitori rifiuti ospedalieri che saranno gettati in contenitori che le aziende forniranno per classificare
in seguito il tipo di rifiuto.




È molto importante sottostare a queste regole per una questione non solo ambientale ma anche di gravi sanzioni a chi non è in regola con lo smaltimento
rifiuti speciali che può prevedere addirittura il carcere.



Avatar
Informazioni su Emanuele Bompadre 428 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.