La geopolitica dell’import di petrolio e gas





Il 2016 si è chiuso – come esaminato in una nostra precedente analisi – con una bolletta energetica pari all’1,6% del PIL, la più bassa dal 1999. Il contenimento del saldo del commercio estero è stato reso possibile da una riduzione del 21,2% delle importazioni di energia. La riduzione degli acquisti dall’estero presenta differenziazioni geografiche rilevanti dipendenti dalle politiche di acquisto dei buyer, dalla dinamica dei prezzi delle singole commodities e dalle turbolenze dello scenario geopolitico che modificano il sistema di relazioni tra Paesi e le politiche di approvvigionamento energetico. Per esaminare queste differenze abbiamo centrato l’attenzione sulle variazioni delle quote del 2016 dei principali Paesi fornitori dell’Italia nelle importazioni di gas e petrolio rispetto a quelle del 2015.

Partiamo dall’analisi del peso dei Paesi fornitori. Nel 2016 l’80,7% del valore delle forniture di petrolio greggio e gas naturale è garantito dai primi dieci Paesi: al primo posto rimane la Russia con il 23,4%, seguita da Algeria con il 12,9%, Iraq con il 10,7%, Azerbaigian con il 10,1%, Libia con il 5,9%, Arabia Saudita con il 5,8%, Kazakhstan con il 4,4%, Kuwait con il 3,0%, Repubblica islamica dell’Iran con il 2,5% e Paesi Bassi con il 2,0%.

Per area geografica la leadership delle forniture energetiche all’Italia è del Medio Oriente con il 33,3%, seguito dall’Africa con il 28,3%, dai Paesi europei non UE con il 25,3%, dall’Unione europea con il 5,5% a cui si somma il 7,5% dal resto del Mondo; nel complesso i Paesi Opec pesano per il 45,1% e i non Opec per il restante 55,9%.

Le quote per Paese hanno registrato significativi cambiamenti nell’ultimo anno. Tra i maggiori Paesi fornitori sale la quota dell’Algeria (+6,7 punti), del Kuwait (+2,9 punti), dell’Iran (+2,4 punti) e dell’Iraq (+1,4 punti); all’opposto scendono le quote di Libia (-3,0 punti), Russia (-2,9 punti), Qatar (-2,1 punti), Azerbaigian (-1,5 punti), Paesi Bassi (-1,3 punti) e Angola (-1,0 punti). Nel 2016 l’Algeria diventa il secondo fornitore di commodities energetiche dell’economia italiana dietro alla Russia, superando l’Azerbaigian (che dal secondo posto del 2015 scende al quarto nel 2016) e l’Iraq (che conferma la terza posizione del 2015).




Per area geografica sale di 3,4 punti la quota di importazioni dal Medio Oriente e di 2,8 punti quella dell’Africa mentre scende di 3,5 punti la quota dei Paesi europei extra Ue e di 1,6 punti quella dei Paesi Ue. Nel complesso la quota dei paesi Opec sale di 7,5 punti.

Va inoltre considerato che i Paesi fornitori presentano una configurazione di offerta diversificata per commodity. Un primo gruppo – composto da Iraq, Azerbaigian, Arabia Saudita Kazakhstan, Kuwait, Iran, Nigeria, Egitto ed Angola – fornisce pressochè esclusivamente petrolio. Un secondo gruppo – formato da Qatar e Paesi Bassi – centra l’offerta sul gas mentre un terzo gruppo di quattro paesi presenta un mix dei due prodotti energetici: si tratta della Russia (prevale il gas con il 70,8% del valore totale a fronte del 29,2% di petrolio), dell’Algeria (prevale il gas con il 91,2% a fronte dell’8,8% di petrolio), della Libia (prevale l’oil con il 54,2% a fronte del 45,8% per il gas) e della Norvegia (prevale il gas con il 68,7% a fronte del 31,3% di petrolio). Per questi paesi ad offerta mista la variazione delle rispettive quote è determinato in modo prevalente dal gas che spiega il 65,2% della variazioni complessiva della quota per la Russia, il 99,2% per l’Algeria, il 72,8% per la Libia e più che interamente per la Norvegia (dove sale la quota del petrolio).

L’analisi della geopolitica delle forniture energetiche dell’Italia nella rubrica ‘Imprese ed Energia”

 

 

QUOTE IMPORT PETROLIO E GAS

2015 e 2016; primi 15 Paesi; quote in % sul totale Mondo e % petrolio greggio su totale import petrolio e gas naturale – Elaborazione Ufficio Studi Confartigianato su dati Istat

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 443 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.