Maltempo: Coldiretti, con piena po alla foce e allarme pesca





Pescherecci incagliati e pescatori in pericolo a causa della piena del Po e delle mareggiate che hanno provocano l’interramento di tutte le bocche delle lagune alla foce del fiume. E’ l’allarme lanciato da Coldiretti al porto peschereccio di Pila dove ci sono 90 imbarcazioni a rischio a causa dell’interramento della bocca di Barbamarco che collega il porto al mare. Un danno grave per i pescatori coinvolti che per svolgere il loro lavoro rischiano la vita in mare secondo Coldireti Impresapesca che chiede venga  programmata una manutenzione costante delle bocche, che basterebbe a risolvere il problema. Sale dunque il conto dei danni provocati dall’ultima ondata di maltempo ad agricoltura e pesca, dal Piemonte alla Liguria, dalla Calabria alla Sicilia. Sono finiti sott’acqua – continua la Coldiretti – migliaia di ettari di terreno con inondazioni di serre e allevamenti, raccolti distrutti e coltivazioni perdute, dalle piante aromatiche alle nocciole del Piemonte fino agli agrumi in Sicilia con il 50% della produzione tra Ribera e Sciacca che è andata perduta, ma gravissima nelle aree rurali è la situazione della viabilità con molte aziende agricole che sono inaccessibili. Nelle regioni colpite la Coldiretti chiede l’istituzione di un tavolo di crisi che permetta di analizzare in maniera concreta i danni e mettere in campo, subito, le misure necessarie per permettere alle aziende di continuare la loro attività.





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Informazioni su Alfredo Di Costanzo 444 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.