Cop15, su cosa si è discusso


Cop1




Nella Cop15 che si sta tenendo in Canada in questi giorni, il tema principale è la biodiversità. Purtroppo la natura sta affrontando delle perdite negli ultimi anni e quindi è fondamentale garantire la salute e il benessere di tutte le specie viventi e del pianeta in genere con un’ attenzione particolare sui cambiamenti climatici.

Secondo l’ONU, si sta infatti verificando la più grande perdita di vite umane dai tempi dei dinosauri e un milione di specie vegetali e animali sono a rischio estinzione.

I fattori che incidono su queste perdite sono:

  • cambiamento dell’uso del mare e della terra
  • l’eccessivo sfruttamento degli organismi
  • il cambiamento climatico
  • l’inquinamento e le specie invasive non autoctone e le loro cause sottostanti, come il consumo e la produzione non sostenibili.

Fare in modo che gli ecosistemi siano sani è un obiettivo primario e principale e quindi bisogna limitare il riscaldamento globale, causato dal cambiamento climatico che è uno dei fattori della perdita di biodiversità più critico.

Quindi in questo accordo si discute soprattutto dei piani per salvare la biodiversità in diminuzione del pianeta stilando degli obiettivi a lungo termine ed entro il 2030. Uno degli obiettivi principali è l’impegno a conservare almeno il 30% della terra e dell’acqua del pianeta entro il 2030.




I partecipanti si impegnano a raggiungere gli obiettivi con queste azioni:

  • l’adozione di un quadro di riferimento equo e completo, accompagnato dalle risorse necessarie per la sua attuazione
  • la definizione di obiettivi chiariper affrontare lo sfruttamento eccessivo, l’inquinamento, la frammentazione e le pratiche agricole non sostenibili
  • un piano che salvaguardi i diritti delle popolazioni indigenee riconosca il loro contributo come custodi della natura
  • l’erogazione difinanziamenti per la biodiversità e l’allineamento dei flussi finanziari con la natura, per indirizzare le finanze verso investimenti sostenibili e lontani da quelli dannosi per l’ambiente
  • raggiungere il ripristino naturale entro la metà del secolo

[smiling_video id=”420677″]


[/smiling_video]

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.