Economia circolare, che cosa significa    


Economia circolare




L’economia circolare è un modello di produzione e consumo che stanno adottando diversi paesi dell’Unione Europea.

Consiste nell’estendere il ciclo di vita dei prodotti, limitando al minimo i rifiuti, e questo implica condivisione, prestito, riutilizzo, riparazione, ricondizionamento e riciclo dei materiali, in modo che possano generare ulteriore valore.

L’economia circolare è opposta al modello lineare

L’economia circolare è opposta al modello lineare in cui si parla ancora di obsolescenza programmata dei prodotti; nell’economia circolare invece c’è il concetto di “Life-extension” ovvero proporre oggetti con durata di vita superiore, a prezzo maggiorato.

Un’altra contrapposizione è che nell’economia lineare si parla di “estrarre, produrre, utilizzare e gettare” mentre nell’economia circolare, tutte le attività, a partire dall’estrazione e dalla produzione, sono organizzate in modo che i rifiuti di qualcuno diventino risorse per qualcun’altro.




Passare ad un modello di economia circolare implica diversi vantaggi: innanzitutto si fronteggia l’aumento della domanda di materie prime dovuto all’aumentare della popolazione mondiale, in contrapposizione alla scarsità delle risorse (proprio riguardo a queste, molti paesi sono ora dipendenti da altri, e in un’ottica circolare, invece, non sarebbe più così).

Quindi, i vantaggi sono:

  • più sicurezza sulla disponibilità di materie prime (e meno dipendenza dei paesi l’uno dall’altro)
  • aumento della competitività
  • impulso all’innovazione e alla crescita economica e del PIL
  • incremento dell’occupazione
  • riduzione delle emissioni di CO2 e quindi vantaggi anche per l’ambiente.

L’11 Febbraio 2021 è stato modificato e approvato il nuovo Piano d’Azione dell’Economia Circolare, con ben 574 voti a favore: questo aggiornamento è stato reso possibile grazie alla mentalità condivisa all’interno dell’Unione Europea sulla transizione verso l’economia circolare per diversi motivi:

  • ridurre i consumi
  • aumentare l’utilizzo di materiale “circolare”

sostenere la crescita economica (secondo le previsioni dell’Europarlamento si è stimato che gli investimenti nell’Economia Circolare faranno aumentare il PIL europeo del 0,5% creando circa 700.000 nuovi lavoratori nei settori green entro il 2030).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.