Caldo, Greta Thunberg: “è appena iniziato”


Caldo




Greta Thunberg ha twittato pochi giorni fa la frase “Questa ondata di caldo è appena iniziata”. A preoccupare è soprattutto la situazione del Canada dove sono morte più di 200 persone proprio a causa del caldo estremo.

Raggiunti i 46,6°

Infatti qui si sono raggiunti i 46,6°, temperature davvero insolite e allarmanti.

È caldo record anche negli Stati Uniti: il picco massimo è stato registrato a Lytton, nella Columbia Britannica, dove da 84 anni le temperature non salivano a 46°.

Quindi proprio negli Stati Uniti e Canada sono stati avvertiti tutti i cittadini di questa pericolosa ondata di caldo che durerà ancora.




Si tratta dell’“heat dome”, una cappa di calore che interesserà da est a ovest tutti gli Usa: a New York sono stati superati i 40 gradi centigradi e a rendere il caldo ancora più insopportabile contribuisce l’umidità elevata.

A Portland, in Oregon, invece il caldo ha fatto fondere i cavi elettrici e le autorità sono state costrette a sospendere il servizio di metropolitana leggera.

A Seattle, nello Stato di Washington, l’asfalto si è sollevato rendendo impossibile la circolazione. Quindi sono proprio gli USA a pagare di più in termini anche di perdite di vite umane.

Correlazione fra cambiamenti climatici e caldo estremo

Sono state confermate delle correlazione fra cambiamenti climatici e caldo estremo: non stupisce che in America i dati siano così allarmanti dato che ai giorni d’oggi, questo Stato è responsabile di circa il 25% di tutte le emissioni che provocano il riscaldamento globale.

È necessario affrontare il cambiamento climatico per porre fine alla morte di tante persone (si è riscontrato infatti che il caldo, negli Usa, ogni anno, uccide più di ogni altro disastro naturale).

Si stima che circa il 35% dei decessi legati alla calura in USA può essere attribuito al cambiamento climatico che si è già verificato.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.