Climatizzatore, le classi che consumano meno


Climatizzatore




Il climatizzatore è un elettrodomestico molto utilizzato in casa, soprattutto in estate per raffreddare gli ambienti. Sarebbe il caso, se il climatizzatore è molto vecchio, di sostituirlo con uno più moderno, che consuma poco e che ha un gas più green. I climatizzatori vanno smaltiti come rifiuti RAEE.

Proprio durante questa stagione

Proprio durante questa stagione, se ne può fare un utilizzo anche eccessivo che ovviamente può avere delle ripercussioni, oltre che sulla bolletta, anche sulla salute.

Può succedere infatti che si lascino accesi anche per intere giornate (comprese le notti) e quindi le spese in bolletta potrebbero essere piuttosto alte.

Proprio per questo è bene acquistare un climatizzatore che abbia una classe che non faccia consumare molto o comunque sceglierlo in base a delle caratteristiche che facciano risparmiare e utilizzarlo in modo consapevole.




Infatti, ci sono diversi fattori che incidono sul consumo:

  • quanto si utilizza l’elettrodomestico
  • il modello di apparecchio
  • la zona climatica
  • le caratteristiche dell’edificio

Una classe di efficienza A, consuma 160 kWh/anno; una classe di efficienza C consuma 260 kWh/anno ed una classe di efficienza G consuma 430 kWh/anno.

Ci sono diversi modi per risparmiare nell’uso del climatizzatore:

  • utilizzare il deumidificatore per risparmiare sull’accensione dell’elettrodomestico;
  • avere un buon isolamento della casa;
  • non impostare una temperatura troppo bassa (al massimo 5 gradi inferiore a quella esterna);
  • non aprire le finestre;
  • non lasciare acceso il climatizzatore tutto il giorno;
  • effettuare la manutenzione periodica e la pulizia dei filtri. A tal proposito, è bene eseguire la manutenzione per avere delle prestazioni ottimali e un buon funzionamento dell’elettrodomestico. Oltre alla pulizia dei filtri, è necessario anche controllare il livello del liquido refrigerante.

Per risparmiare, comunque, il modo migliore è quello di impostare una giusta temperatura rispetto alla temperatura esterna (non dovrebbe mai superarla di 6-7°) per non avere degli sbalzi termici elevati.

In questo modo, oltre a risparmiare, non ci saranno ripercussioni anche sulla salute con raffreddore, mal di gola e così via.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.