Medicinali scaduti, come e dove smaltirli


Medicinali




Quando si fa un check dei medicinali che si hanno in casa, di solito ci si può accorgere che ce ne sono di scaduti.

Però può sorgere il dubbio di come smaltirli.

Infatti, lo smaltimento dei farmaci scaduti richiede una procedura precisa e accurata, per farlo nel migliore dei modi e quindi evitare errori nella raccolta differenziata.

I farmaci scaduti sono molto tossici per l’ambiente e purtroppo, lo inquinano anche per via indiretta, senza che ce ne accorgiamo, proprio attraverso le feci e le urine di chi li assume, uomo e/o animale, inquinando le falde acquifere e le acque.

Oppure, inquiniamo l’ambiente “consapevolmente” quando decidiamo di smaltire i farmaci scaduti nei servizi igienici, il che oltre ad essere scorretto per l’ambiente, può comportare anche dei danni alle tubature, con esborsi economici elevati per sistemarle.




Al contrario di quanto si pensi

Al contrario di quanto si pensi, infatti, i farmaci non si degradano facilmente e anzi resistono nell’ambiente anche per molto tempo.

Quindi, bisogna fare una distinzione per smaltire correttamente i medicinali scaduti.

Vanno nei cassonetti per la raccolta dei farmaci scaduti presenti nelle farmacie:

  • sciroppi
  • pastiglie e compresse
  • flaconi con residui di medicinale
  • pomate
  • fiale per iniezioni
  • disinfettanti
  • siringhe, sempre con il cappuccio che copre l’ago oppure riposti in un contenitore ermetico (per la sicurezza degli operatori ecologici o di chi vi entrerà in contatto)

Oppure si possono smaltire con la raccolta differenziata, seguendo le regole del proprio Comune distinguendo i vari elementi che compongono il farmaco ovvero confezione, foglietto illustrativo, blister:

  • l’imballaggio esterno è di solito di carta, così come il foglietto illustrativo;
  • i blister, i tubi e le bustine vuote, vanno negli appositi contenitori in base ai materiali di cui sono fatti;
  • gli integratori, non sono dei farmaci e quindi non vanno nei contenitori delle farmacie ma si può sempre distinguere la scatola (nella carta), il blister (nella plastica) e l’integratore (nell’indifferenziata);
  • blister e boccette, se contengono ancora il farmaco, vanno nei contenitori delle farmacie.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.